Seconda pole position di fila, la terza dell’anno, per la Mazda #55 con Jonathan Bomarito nel WeatherTech USCC a Road America.

Il pilota californiano, in palla per tutto il weekend e al top anche nelle libere del mattino, ha demolito con il prototipo realizzato dalla Lola-Multimatic il record della pista con il tempo di 1.54.507, lasciando la concorrenza, formata dai leader in classifica dell’Action Express con Christian Fittipaldi, a 1”1. Terza piazza per l’altra Corvette DP di Jordan Taylor, a precedere l’altra Mazda di Tom Long.

Breve interruzione a poco più di 7’ dalla fine del turno per l’uscita di strada di John Pew, terminato nella sabbia all’uscita della curva 3 con la Ligier-Honda del Michael Shank Racing.

Lotta a due all’ultimo decimo in PC, fra Josè Gutierrez e James French, con l’enfant du pays (French è infatti nato a Shebyogan, Wisconsin) del Performance Tech Motorsports ad avere la meglio per 75 millesimi sul messicano della Starworks con il tempo di 1.59.133. Terza piazza negli ultimi attimi per Misha Goikhberg con l’Oreca del JDC/Miller. Solo P6 per l’equipaggio leader in classifica di Starworks con Alex Popow, davanti a Jon Bennett con i campioni uscenti del CORE Autosport.

La pole position in GTLM non sfugge invece alle Ford GT con Dirk Mueller che porta la #66 per la sua prima partenza al palo con il tempo di 2.02.451, lasciando a mezzo secondo il compagno di squadra Ryan Briscoe ma soprattutto la Porsche di Partick Pilet, che a sorpresa si infila fra le due macchine del Team Ganassi.

Quarta piazza per Giancarlo Fisichella, a lungo P1 davanti all’altra Porsche di Earl Bamber e alle due Corvette, con Antonio Garcia, il migliore nell’ultimo turno di libere del mattino, autore di un innocuo testacoda davanti all’entrata box. Lontanissime invece le due BMW M6, alle prese con grossi problemi di maneggevolezza.

Terza pole position del 2016 infine in GTD per Alex Riberas con la Porsche 911 GT3 R del team Seattle, quarta comprendendo anche quella del teammate Mario Farnbacher a Watkins Glen, con 2.07.520. Lo spagnolo, sempre all’inseguimento dell’accoppiata di Scuderia Corsa in classifica generale, ha preceduto le due Audi R8 LMS dello Stevenson Motorsports di Andrew Davis e Matt Bell di poco più di 2 decimi.

A seguire la Dodge Viper di Ben Keating, vincitori qui nel 2015, Christina Nielsen con la Ferrari capolista e ben tre Lamborghini Huracàn affidate a Spencer Pumpelly, Luca Persiani e Madison Snow.

Domenica la gara, della durata standard di 2 ore e 40 minuti, con partenza alle 3.00 PM, preceduta da un breve warm-up, alle 9.40 AM, ora locale. Vedremo se sarà o meno la volta buona della prima vittoria assoluta Mazda nella serie a stelle e strisce.

Piero Lonardo

I risultati delle Libere 3

I risultati delle Qualifiche

UPDATE: A seguito delle verifiche tecniche, diverse modifiche alla griglia di partenza.

L’Oreca #7 di Starworks, secondo tempo in qualifica con Josè Gutierrez, è stata trovata al di sotto del peso minimo, ed è stata arretrata all’ultimo posto in griglia tra i prototipi.

L’altezza minima da terra non rispettata costa invece alla Ford GT #67 il terzo posto in griglia tra le GT, così come un uso improprio del boost dei turbocompressori è stato riscontrato su entrambe le BMW M6, che chiudevano lo schieramento delle GTLM.

In GTD infine, cancellati tutti i tempi in qualifica ottenuti dalla Porsche 911 GT3 #22 dell’Alex Job Racing per interventi tecnici durante la sessione, mentre l’altra 911 del Magnus Racing perde la posizione guadagnata per il cambio dei pneumatici.

La griglia di partenza


Stop&Go Communcation

Sempre Ford davanti ma bene la Ferrari, P4 in GTLM

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2016/08/Boma_pole-1024x768.jpg USCC – Road America, Libere 3 e Qualifiche: Bomarito imprendibile, è ancora pole Mazda