Le condizioni meteo sono mutate a Road Atlanta, e tante nuvole passeggere hanno rinfrescato brevemente atmosfera e pista.

Ne hanno risentito i tempi della seconda sessione, che in generale non sono migliorati rispetto ai 60’ del mattino, a causa anche della prima red flag del weekend, causata dalla PC del JDC/Miller Motorsports, vittima di una foratura che lo ha portato fuori alla curva 3 a 15’ dalla fine.

I campioni però sono sempre fonte di eccezioni, e Sebastien Bourdais (nella foto, in attesa di partire per la sessione) non si è smentito, migliorando sensibilmente il tempo di stamani di Jordan Taylor con la Corvette DP dell’Action Express Racing, stabilendo 1.14.610.

Più a punto anche la Ligier JS P2 dell’Oak Racing, che segue il francese a mezzo secondo. A seguire un trio di Corvette DP capitanato da Ricky Taylor, poi a seguire Richard Westbrook e Biran Frisselle con la seconda entry dell’AXR. Da segnalare un’uscita di strada senza conseguenze per Max Angelelli alla curva 6.

Tra le PC è Gunnar Jeannette a stabilire la miglior prestazione con 1.17.533 con l’Oreca FLM09 del PR1/Mathiasen davanti a Bruno Junquqira con la migliore delle entry dell’RSR Racing e la giovane promessa delll’8 Star Motorsports Sean Rayhall.

Non migliorano i tempi neanche in GTLM, e alla fine è Michael Christensen sul filo dei millesimi a portare a casa la migliore prestazione della sessione con 1.19.666, 4 decimi peggio quindi rispetto all’altra Porsche privata del Team Falken Tire, che in questa sessione non ha svettato.

Podio virtuale per Marc Goossens con la prima delle SRT Viper e per Jan Magnussen, che ha il compito di aiutare il coequipier Antonio Garcia a portare a casa in solitario il titolo piloti, a causa del crash che lo ha coinvolto al VIR lo scorso agosto; entrambi i piloti sono contenuti incredibilmente in soli 5 millesimi.

Migliora la propria prestazione la Ferrari del Risi Competizione con Giancarlo Fisichella, autore di 1.19.740, sesto.

In GTD Jan Heylen segna il miglior giro della giornata con 1.22.123, ma dietro la Porsche 911 GT America dello Snow Racing emerge Dane Cameron con la BMW Z4 del Turner Motorsport, a oltre 4 decimi.

Non benissimo le Ferrari, che sostanzialmente occupano le ultime posizioni nella lista dei tempi. La migliore è quella in lotta per il titolo piloti dell’AIM Autosport con Conrad Gruenwald, 12ma.

La giornata si chiuderà con 90’ di libere in notturna a partire dalle 7.30 PM ora locale.

Piero Lonardo

I risultati delle libere 2


Stop&Go Communcation

Fisichella P6 in GTLM, Snow il migliore in GTD

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2014/10/Seb-1024x767.jpg USCC – Petit Le Mans, Libere 2: Bourdais alza l’asticella