Un Filipe Albuquerque in formato top stava per regalare ad Action Express una clamorosa vittoria alla 21ma Petit Le Mans, season finale del WeatherTech SportsCar Championship. Purtroppo per il simpaticissimo pilota portoghese, il carburante della sua Cadillac non è bastato per tagliare il traguardo davanti a tutti, e ne ha approfittato Renger van der Zande, che insieme a Jordan Taylor e Ryan Hunter-Reay ha chiuso in bellezza l’altalenante stagione del WTR.

Albuquerque, estromesso dalla lotta per il titolo a causa del crash al via del penultimo round di Laguna Seca che ha appiedato il teammate Joao Barbosa, aveva condotto sino a quel momento una gara attenta,insieme a Christian Fittipaldi ed al sub di lusso Tristan Vautier, aiutato da una Cadillac che, a differenza di altri, non aveva subito alcuna defaillance.

Problemi che hanno invece coinvolto in primis Pipo Derani che, dopo aver condotto nelle primissime fasi di gara, era stato presto costretto ai box per una foratura. Dopo un lungo inseguimento, il giovane brasiliano, alla ricerca della seconda vittoria consecutiva in quel di Road Atlanta per l’ultima gara dell’accoppiata Extreme Speed / Tequila Patron, coadiuvato da Johannes van Overbeek e dalla super-guest star Timo Bernhard,  riusciva a ritrovare di nuovo la testa della gara ma nell’ultima ora veniva a contatto con una GT, perdendo nuovamente il vantaggio faticosamente acquisito.

Nel convulso finale venivano infine premiate le due Mazda, giunte finalmente entrambe al termine di una enduro e addirittura a podio, mentre la Cadillac #5 veniva classificata al quarto posto, davanti all’Acura di Ricky Taylor, Graham Rahal ed Helio Castroneves e alla Nissan #22.

Action Express si può consolare – se così si può dire – col titolo, che va a Felipe Nasr ed Eric Curran grazie al’ottavo posto finale. L’equipaggio della DPi V.R #31, completato per l’occasione dal colombiano Gabby Chaves, è stato rallentato nelle prime fasi da una foratura ed è stato costretto a recuperare fino a terminare alle spalle dell’Oreca LM P2 del CORE Autosport di Colin Braun, Jon Bennett e Romain Dumas, che ha fallito l’obiettivo finale per 3 soli punti.

Rincorsa che non riesce nemmeno alla Ford #67 di Ryan Briscoe e Richard Westbrook, seconda tra le GTLM dietro alla Porsche di Patrick Pilet, Fred Makowiecki e Nick Tandy. La sorte, nonostante i ben 9 punti di vantaggio, sembrava essere diventata avversa all’equipaggio della Corvette #3, che sbatteva inopinatamente con Antonio Garcia all’uscita box a poco più di due ore dalla fine.

Lo spagnolo non si perdeva però d’animo e, dopo le riparazioni del caso costate la bellezza di 3 giri, riusciva ad avvicinarsi alle vetture di testa quanto bastava per mantenere il vantaggio in classifica necessario a riconfermarsi, insieme a Jan Magnussen (Marcel Fassler ha svolto il ruolo di terzo pilota per entrambe le C7.R) , campione della categoria, grazie all’ottavo posto finale ad un giro, davanti alla Ferrari del Risi Competizione.

Il Cavallino può però festeggiare il successo in GTD della 488 GT3 iscritta da Scuderia Corsa per Daniel Serra, Cooper MacNeil e Gunnar Jeannette. Partito dalla pole, Serra ha condotto alla prima vittoria stagionale, con un sorpasso vincente sull’Acura di Alvaro Parente a 40’ dalla bandiera a scacchi, la vettura campione in carica lo scorso anno con Alessandro Balzan e Christina Nielsen, riscattando una stagione costellata di alti e bassi.

Parente doveva accontentarsi della seconda posizione, che non bastava alla compagna di squadra Katharine Legge per laurearsi campionessa della categoria, grazie al terzo posto della Lamborghini Huracàn del Paul Miller Racing di Madison Snow, Bryan Sellers e Chris Lewis che garantisce ai due piloti “full-season” il successo finale.

E’ tutto per il WeatherTech SportsCar Championship 2018. La massima serie endurance a stelle e strisce tornerà a gennaio per i test collettivi di Daytona, la Roar Before the 24.

Piero Lonardo

L’ordine di arrivo


Stop&Go Communcation

Non basta un crash per togliere il titolo GTLM alla Corvette. Serra regala la vittoria alla Ferrari in GTD

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2018/10/WTRwin-1024x768.jpg USCC – Petit Le Mans, Gara: Action Express, beffa a due curve dal traguardo, vince WTR