Il Team Penske ha resi noti gli equipaggi che correranno la Rolex 24 at Daytona, atto iniziale del WeatherTech SportsCar Championship 2019. Sulle due HPD ARX-05, oltre ai già confermati regular Helio Castroneves, Ricky Taylor, Juan Pablo Montoya e Dane Cameron, ci saranno i due assi dell’IndyCar Simon Pagenaud ed Alexander Rossi.

Per il campione IndyCar 2016 si tratta di un ritorno sull’Acura #6, che dividerà con Montoya e Cameron in tutte le gare lunghe, mentre Rossi debutta nella serie al fianco di Castroneves e Cameron, prendendo il posto che fu di Graham Rahal nel 2018, per la cosiddetta “36 ore della Florida”.

Il figlio del grande Bobby ha fatto sapere via social che è stata una sua scelta rinunciare al ruolo ricoperto ella passata stagione in virtù delle dimensioni dell’abitacolo, troppo sacrificate per un pilota della sua taglia.

Nel frattempo continua quella che è una vera propria la guerra di logoramento fra IMSA e WEC. L’ente patrocinatore della serie endurance americana ha reso infatti noto di avere ridotto da dieci a otto gare la schedule delle LM P2, escludendo questa categoria dalle gare di Long Beach e Detroit-Belle Isle.

La decisione è stata motivata dalla volontà di ridurre i costi di una categoria che vuole essere assolutamente Pro-Am, ma che al momento, dopo la separazione delle categorie prototipi e col passaggio alle DPi di CORE e JDC, vede il conteggio delle vetture alle sole Oreca di Performance Tech e PR1/Mathiasen.

A rinforzare i ranghi delle Global LM P2 potrebbe essere DragonSpeed, che è annunciata a Daytona con due Oreca per Nicolas Lapierre, Ben Hanley ed Henrik Hedman in una prima entry e con Pastor Maldonado – al debutto nella serie – e Roberto Gonzalez già confermati nella seconda vettura in attesa degli altri coequipier, che non potrà però essere Anthony Davidson, terzo pilota nel WEC.

Una recente modifica al regolamento sportivo della categoria prevede infatti un solo pilota ranked gold o platinum ovvero due gold per macchina che, come per le GTD, potrà essere condotta in pista anche da cinque piloti.

Ancora da valutare invece la presenza a Sebring, stante la concomitanza del WEC, dove il team di Elton Julian come noto gareggerà sia tra le LM P1 che in LM P2.

Piero Lonardo


Stop&Go Communcation

Due gare in meno per le LM P2: saltano Long Beach e Detroit

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2018/12/penske2019.jpg USCC – Penske presenta la forza: novità Alexander Rossi