Ancora una Cadillac sul gradino alto del podio grazie a Dane Cameron ed Eric Curran a Mosport Park, nel settimo round del WeatherTech SportsCar Championship.

L’equipaggio della DPi V.R #31 dell’Action Express si è ritrovata in testa, come talvolta accade nel mondo dell’endurance, grazie ad una gara senza acuti ma anche senza sbavature e coordinata da una strategia perfetta, movimentata da un paio di forti scrosci di pioggia, ma anche ad un altro paio di circostanze estremamente favorevoli.

La prima chiave di volta della prima vittoria stagionale della entry biancorossa è stato sicuramente il crash di cui è stato coprotagonista Jordan Taylor insieme alla Corvette di Tommy Milner a 20’ dalla fine.

L’estroso driver della Cadillac #10 conduceva infatti con un robusto vantaggio allorquando si è ritrovato in mezzo ad un gruppo di GT tra cui la Corvette #4, in lotta con una Ford per una posizione di rincalzo tra le GTLM. Taylor spuntava all’esterno ma la GT non poteva che tamponarlo, finendo per piroettare sulle gomme a protezione dell’esterno della curva 5. Tanto spavento e nessun danno ai piloti, ma la Cadillac capolista era costretta ad una sosta per riparare il posteriore e perdeva il comando della gara, che era stata fino a quel momento una lotta a due con l’Oreca LM P2 del JDC-Miller Motorsports di Misha Giokhberg e Stephen Simpson, che al restart spuntava all’inseguimento della Cadillac #31, rallentata da una sosta extra ai box per un nuovo cambio gomme.

Purtroppo il finale thrilling veniva a mancare a causa dello schianto della Ligier del PR1/Mathiasen di David Ostella a due soli minuti dalla fine, proprio mentre la gialla LM P2 aveva nel mirino il battistrada, che così ripetono il successo dello scorso anno con la “vecchia” DP e si rifanno della penalizzazione del Glen, comminata a ruote ferme dall’IMSA per aver sottoutilizzato Filipe Albuquerque, vincitore con l’altra entry del team, che quest’oggi guadagna solo la sesta piazza davanti ai leader della serie, che minimizzano così il danno.

A podio quindi finalmente una Nissan DPi, quella di Ryan Dalziel e Scott Sharp, dopo che la vettura gemella di Derani e Van Overbeek aveva da tempo reso l’anima al dio dei motori. Peccato per le due Mazda, assolutamente in palla in terra canadese, rallentate da una strategia confusionaria del team SpeedSource. Notte fonda invece in casa VisitFlorida Racing, ancora una volta alle prese con problemi di affidabilità – questa volta imputata la componente elettrica – del telaio Multimatic-Riley.

Continua l’en plein in casa Performance Tech, con James Franch e Pato O’Ward ancora una volta sul gradino più alto tra le PC, nonostante la sosta extra e la relativa sostituzione del cofano anteriore per aver centrato un pneumatico lasciato colpevolmente in pista dalla direzione gara.

Doppietta BMW invece in GTLM, con Bill Auberlen ed Alexandr Sims alla seconda vittoria di fila dopo il successo della scorsa settimana al Glen. La competizione si è svolta tutta fra le due M6 e le Porsche 911, che si sono alternate al comando per tutti i 160’ di gara. Purtroppo per la casa di Stoccarda, un problema tecnico ha eliminato nelle fasi finali la #911 di Patrick Pilet, mentre una sosta extra – ancora una volta per una foratura poco dopo il cambio gomme – ha tolto di mezzo l’altro esemplare affidato a Laurens Vanthoor e Gianmaria Bruni.

A podio cosi una Ford, quella di Richard Westbrook e Ryan Briscoe, davanti alla Corvette superstite di Magnussen e Garcia, che possono continuare a condurre la classifica di categoria.

Prima vittoria stagionale infine per l’Audi e per lo Stevenson Motorsports con Andrew Davis e Lawson Aschenbach in GTD. L’equipaggio della R8 #57 ha sfruttato le altrui disgrazie, particolarmente quelle delle Lexus e delle Acura, per installarsi al comando dopo il primo giro di soste, per non mollare più fino al traguardo.

Alla fine è la Acura NSX di Andy Lally e Katharine Legge, reduci ricordiamo da un vittorioso back-to-back, a tenere alto l’onore dei costruttori giapponesi, davanti ad uno strepitoso Alessandro Balzan, che porta la Ferrari 488 GT3 di Scuderia Corsa, sempre più leader della categoria, al sesto podio in sette gare.

Prossimo appuntamento con la serie endurance a stelle strisce fra due settimane a Lime Rock, gara riservata alle due classi GT. I prototipi torneranno in pista a Road America il 6 agosto.

Piero Lonardo

L’ordine di arrivo


Stop&Go Communcation

Doppietta BMW in GTLM. Balzan-Nielsen ancora a podio in GTD

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2017/07/31Win-1024x683.jpg USCC – Mosport, Gara: A sorpresa, Cameron e Curran fanno il bis del 2016