Per l’Acura la gara di Mid-Ohio, nuova entrata nel calendario del Weathertech SportsCar Championship, è la gara di casa, e i portacolori del team Penske hanno onorato al meglio questo impegno terminando in bellezza un weekend dominato sin dall’inizio conquistando con Helio Castroneves e Ricky Taylor la prima vittoria della ARX-05 DPi.

Per il brasiliano si tratta del ritorno alla vittoria in una categoria prototipi dalla Petit Le Mans del 2008, al volante della celebre Porsche RS Spyder LM P2; da segnalare però che il 42enne brasiliano aveva già trionfato sulla pista del Midewst nel biennio 2000-2001 in CART sempre per il team del “Captain”. Per il più anziano dei fratelli Taylor invece, è la prima affermazione lontano dai colori di casa WTR. Il successo è stato completato dalla seconda posizione dell’altra vettura basata su telaio Oreca gestita in pista da Juan Pablo Montoya e Dane Cameron.

E’ la Mazda DPi di Tristan Nunez ed Oliver Jarvis a completare il podio, dopo che l’altro prototipo del Team Joest, condotto da Spencer Pigot in sostituzione di Harry Tincknell, era costretto al ritiro in seguito il contatto con la Mercedes AMG GT3 di Maro Engel. Solo quarta la prima delle Cadillac DPi, ancora una volta quella di Filipe Albuquerque e Joao Barbosa, che mantengono il comando in classifica generale.

Ad ogni modo si è trattato – nessuno ci avrebbe scommesso a priori – di una gara senza interruzioni. Non che sia stata avara di emozioni comunque, perché, se è vero che la lotta tra i prototipi quest’oggi partiva dalla terza piazza, le due categorie GT hanno dato spettacolo sino agli ultimi metri, ribadiamo, senza l’intervento di interruzioni.

Allo start la BMW in pole di John Edwards era costretta ad usare più della pista per evitare l’Oreca del JDC-Miller Motorsports, lasciando così la gara nelle mani delle due Porsche. Al team RLL però osavano il tutto per tutto sull’altra M8 GTE, forzando sino all’ultimo il secondo pit-stop di Connor de Philippi, che ereditava così il comando della categoria.

Il vantaggio sugli inseguitori, capeggiati dalla #912 di Laurens Vanthoor, non era però abbastanza per mantenere il comando anche dopo la sosta, effettuata a 35’ dalla bandiera a scacchi, così de Philippi iniziava un furioso inseguimento che lo portava a pochi decimi dal leader, che alla fine transitava per primo sul traguardo dopo le classiche 2 ore e 40 minuti con meno di 2” di vantaggio.

Primo successo stagionale quindi per la 911 RSR di Vanthoor ed Earl Bamber; il terzo gradino del podio va alla Corvette di Jan Magnussen ed Antonio Garcia. A seguire le due Ford, con Richard Westbrook e Ryan Briscoe che nonostante il quinto posto, possono allungare in classifica generale.

Dopo quattro gare disputate, alla fine manca ancora una vittoria della BMW, ma è evidente che il modo di applicare il BoP alle GTLM nella formula IMSA è sicuramente più consistente di quello del WEC. Sulle equivalenze fra i prototipi (nel caso specifico, fra DPi e “global cars”) invece c’è ancora molto da lavorare anche da questa parte dell’oceano.

Lotta sino agli ultimi istanti infine anche in GTD, dove la Lexus ha evitato il “double” Acura grazie alla prestazione maiuscola della RC F GT3 di Dominik Baumann e Kyle Marcelli.

La gara si decideva al pit, con il tedesco più lesto nelle operazioni della vettura gemella di Jack Hawksworth e David Heinemeier Hansson, che partiva dalla pole. Dopo un lungo inseguimento, nelle fasi finali si faceva sotto l’Acura NSX – prodotta a poche decina di miglia dal circuito – di Alvaro Parente, che però non riusciva a portare a compimento l’inseguimento.

Terza piazza per l’unica Lamborghini impegnata di Bryan Sellers e Madison Snow, che consolidano così la leadership nella categoria, mentre la Ferrari di Scuderia Corsa di Alessandro Balzan e Cooper MacNeil si deve accontentare dell’ottava piazza.

Prossimo appuntamento, fra quattro settimane, il 2 giugno, in casa Chevrolet, a Detroit-Belle Isle, in compagnia dell’IndyCar in una showcase di 100 minuti, protagoniste, con gran parte delle GT attese a Le Mans, le sole Protoytpes e GT Daytona.

Piero Lonardo

L’ordine di arrivo


Stop&Go Communcation

Porsche e Lexus, al primo successo, resistono nel finale in GTLM e GTD

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2018/05/AcuraMazda-1024x683.jpg USCC – Mid-Ohio, Gara: Acura, weekend perfetto con doppietta