Il Wayne Taylor Racing torna alla vittoria sulle strade di Long Beach, per il terzo appuntamento del WeatherTech United SportsCar Championship 2016. Dopo le classiche enduro di Daytona e Sebring, la distanza corta, la “showcase” di soli 100 minuti riservata alle sole Prototypes, PC e GTLM.

Ricky Taylor ha costruito il proprio successo al via, allorquando ha superato di potenza l’altra Corvette DP di Christian Fittipaldi, che partiva dalla pole conquistata ieri. Nel mezzo si infilava la Mazda di Tom Long e per i campioni in carica della serie dell’Action Express la gara iniziava in salita.

Ci voleva infatti quasi mezz’ora al brasiliano per riprendere l’ormai poco sorprendente prototipo costruito dalla Lola-Multimatic, che immediatamente cedeva anche all’altra entry dell’Action Express di Eric Curran.

Nelle fasi finali la battaglia fra le tre Corvette DP si faceva serrata, ma Jordan Taylor riusciva a tenere a bada Joao Barbosa e Dane Cameron, subentrati ai compagni di squadra, nonostante anche il restart conseguente all’unica caution delle ultime tre edizioni, causata dalla PC di Jonathan Bennett, ferma all’uscita del tornantino con una sospensione ko, e conquistare così la prima sospirata vittoria stagionale, seconda affermazione consecutiva sulle strade della California.

Dietro le tre DP del farfallino le due Mazda, mentre deludeva la Ligier-HPD del Michael Shank Racing, solo P7 dietro l’altra Corvette del VisitFlorida.com. La DeltaWing, dopo un buon avvio, prima perdeva terreno per un testacoda per poi fermarsi definitivamente a 20’ dalla bandiera a scacchi con il motore ko.

Vittoria contestata invece per la Porsche di Patrick Pilet e Nick Tandy in GTLM. Il “fattaccio” ad un paio di tornate dalla fine, con Fred Makowiecki, in quel momento P2, che cercava una manovra impossibile al tornantino sulla Corvette al comando di Tommy Milner. I due si giravano lasciando strada alla Porsche dell’inglese che procedeva sino al traguardo per la prima vittoria stagionale. Da segnalare che entrambe le 911 RSR hanno rimontato una penalità per speeding in pitlane mentre l’altra Corvette ha dovuto abbandonare a pochi minuti dalla fine dopo aver ceduto a sua volta la seconda piazza all’accoppiata Porsche.

Ottima terza piazza per Toni Vilander e Giancarlo Fisichella con la Ferrari 458 GTE del Risi Competizione, mentre le BMW si complicano ancora una volta la vita, con Bill Auberlen, P5 dietro la Ford GT di Ryan Briscoe e Richard Westbrook, per due volte al penalty box e la #100 contro le barriere dopo aver demolito una sospensione. Evidentemente veloci ma fragili queste M6.

Tra le PC infine, torna alla vittoria il JDC/Miller Motorsports con Misha Goikhberg e Stephen Simpson, che precedono in volata i vincitori di Sebring dello Starworks. Terza piazza per la entry del BAR1 Motorsports di Kyle Marcelli e James French nonostante un crash all’ultimo giro.

Con questi risultati Barbosa e Fittipaldi, stante l’assenza di Extreme Speed, impegnata nel WEC a Silverstone, passano a condurre la classifica generale sui compagni di squadra Curran e Cameron e sul Wayne Taylor Racing.

Milner e Gavin mantengono invece facilmente il comando della GTLM, mentre l’accoppiata del JDC/Miller, grazie al mezzo passo falso degli alfieri del PR1/Mathiasen, torna prepotentemente al comando delle PC.

Prossimo appuntamento con il WeatherTech USCC fra due settimane a Laguna Seca, protagoniste tutte le classi, ma in due gare distinte per GTD e PC e per Prototypes e GTLM.

Piero Lonardo

L’ordine di arrivo


Stop&Go Communcation

Una manovra al limite premia la Porsche in GTLM. Risi P3

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2016/04/WTR.jpg USCC – Long Beach, Gara: Finalmente i fratelli Taylor!