L’IMSA, alla luce delle prestazioni espresse durante la Roar Before the 24, ha rivisto il Balance of Performance (BoP) in funzione del season opener del Tudor United SportsCar Championship, in programma a Daytona il prossimo weekend.

Come si ricorderà, all’interno della categoria Prototypes, la migliore LM P2, l’HPD ARX-03b dell’Extreme Speed Motorsport (nella foto), ha scontato oltre 1”1 sul miglior tempo assoluto segnato della Corvette DP dell’Action Express Racing.

Si è appreso – ma solo a posteriori – che durante questi test sono state verificate diverse configurazioni sulle LM P2 presenti, soprattutto sui restrittori d’aria, e queste hanno determinato una notevole disparità tra i tempi segnati all’interno delle varie sessioni.

Alla fine infatti sarà questa la voce più importante nel pacchetto di queste modifiche regolamentari, finalmente definitive (ma solo per Daytona) per fare equivalere i più possibile le prestazioni in pista tra le DP ex Grand-Am e le LM P2 ex-ALMS.

Le Daytona Prototypes, per calmierare la maggiore velocità di punta, sconteranno un 5% circa di riduzione della potenza. Le vetture motorizzate Chevy dovranno utilizzare un restrittore ridotto del 2,5% in diametro, pari a 34,5 (x2) mm, le Riley-Ford EcoBoost porteranno in gara aperture di 33.1 mm, mentre infine le meno potenti BMW Dinan saranno limitate a 76,4 mm.

Le prestazioni delle LM P2 verranno invece aumentate del 5%, mediante l’aumento delle prese d’aria, fissate ora in 41mm per le motorizzazion Nissan (Oreca, Morgan) e i 31 mm (x2) delle HPD.

Riviste anche le capacità del serbatoio, con la capacità massima dei serbatoi delle LM P2 benzina fissate ora a 72 litri, mentre la Mazda SkyActiv diesel, molto meno veloce ma altrettanto parca nei consumi, potrà portare solo 70 litri. 76 i litri fissati infine per le tutte le DP e 48 per l’efficientissima DeltaWing, che durante i test si è dimostrata allineata alle prestazioni medie delle LM P2, insieme ad una riduzione di 10 kg del peso minimo, che passa ora a soli 515 kg. Sempre allo scopo di regolamentare i consumi, sono state aggiustate anche le pressioni di sovralimentazione dei motori turbo di HPD, Elan (DeltaWing) e Ford EcoBoost.

Solo un diverso piazzamento dell’ala posteriore, posizionato per fornire maggior carico, per le LM PC, così da ridurre il problema del limitatore riscontrato durante la Roar Before the 24 sui propulsori di derivazione Chevy delle Oreca FLM09.

Ma le novità regolamentari non si limitano ai prototipi, ma anche alle GT Le Mans e GT Daytona.

Notevoli cambiamenti per ben tre dei 6 costruttori presenti in GTLM. 15 kg in più per le nuove Porsche 911 RSR e un più largo restrittore d’aria (+0.3 mm) così da migliorare solamente la potenza massima, e quindi la velocità di punta.

Diminuzione del peso minimo invece sia per le SRT Viper GTS-R che per le Ferrari 458, risultate leggermente meno performanti di Corvette e Porsche sul circuito della Florida. Le coupè americane “dimagriranno” di 30 kg, mentre le vetture del cavallino potranno pesare 15 kg di meno, oltre a godere di una maggiorazione del restrittore d’aria di +0,6 mm. Inoltre, le meno efficienti Viper portanno portare 10 litri in più di etanolo, per un totale di 120 litri.

Flyinlizard copy

Più numerosi i cambiamenti tra le GTD, con il peso minimo delle nuove Porsche 911 GT America, che insieme alla Audi R8 hanno segnato il passo durante i test, aumentato di ben 35kg, mentre le Ferrari 458 in versione GT3 sono state al contrario dimagrite di ben diminuite di ben 29kg, anche se hanno dovuto pagare con 5mm in meno al restrittore d’aria, modifica parzialmente compensata a sua volta da 200 giri motore in più consentiti al V12 del cavallino.

Restrittori più larghi invece sia per l’Aston Martin Vantage V12 e per la SRT Viper GT3-R; quest’ultima godrà, come la sorella maggiore, anche di un incremento di capacità del serbatoio, anche se dovrà scontare 300 rpm di riduzione del regime massimo. Modifiche alle misure dei pneumatici anteriori per le Aston Martin, le BMW Z4 GT3 e per le Viper; alle ultime due assegnata anche una modifica al gurney (-15 mm).

Le Audi R8 LMS hanno ricevuto solamente un boost di 200 rpm a compensare la minore all’altezza dell’ala, modificata al pari di Porsche, Ferrari e BMW. Modifiche infine anche alle capacità del serbatoio, che è stato ridotto per Ferrari, Viper e BMW da 90 a 86 litri, con la  Porsche, che ne porterà invece solo 85, mentre alle meno efficienti Aston Martin e Viper potranno portare 95 litri.

Piero Lonardo 


Stop&Go Communcation

L’IMSA, alla luce delle prestazioni espresse durante la Roar Before the 24, ha rivisto il Balance of Performance (BoP) in […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2014/01/ESM3.jpg USCC – L’IMSA aggiusta il BoP per Daytona. Sarà quella buona?