L’IMSA ha reso note le modifiche al Balance of Performance (BoP) per la penultima prova del Tudor United SportsCar Championship, in programma ad Austin, Texas il 20 settembre.

L’unica HPD ARX-03b schierata al Circuit of The Americas da Extreme Speed Motorsports verrà appesantita di ulteriori 40 kg, portando il peso minimo a 940 kg. Il motore HPD V6 biturbo riceverà due nuovi restrittori di 32.5mm (+1,2 mm) che garantiranno una maggiore quantità di aria. In più, la capacità del serbatoio è stata portata da 75 a 76 litri.

La new entry Ligier JS P2, che adotta lo stesso propulsore HPD dell’altra P2 impegnata, è stata allineata allo stesso peso minimo 940kg, agli stessi restrittori e capacità del serbatoio.

Minore capacità del serbatoio invece per tutte le Daytona Prototypes: Corvette e Honda passeranno da 76 a 70 litri, mentre le Ford EcoBoost passeranno da 76 a 73 litri.

La Ferrari F458 schierata in GTLM da Risi Competizione, reduce da una doppia vittoria a Road America e al VIR, riceverà una riduzione al restrittore d’aria, che passerà da 41,2 a 40,9 mm.

Anche le BMW Z4, come le Ferrari, guadagneranno peso e “respireranno” meglio: il peso minimo passerà da 1230 a 1255 kg mentre i restrittori dei motori V8 passeranno da 30,2 a 29,8 mm.

Al contrario, alle Corvette C7.R sarà permessa una riduzione di peso di 15 kg (da 1270 a 1255 kg), oltre ad un’allargamento dei due restrittori da 29,2 a 29,5 mm.

Diverse modifiche anche in GTD, soprattutto a vantaggio delle Porsche GT America, che perderanno 10 kg, passando da 1200 a 1190 kg, e potranno disporre di un restrittore del rifornimento di 29 mm anzichè 28. Oltre a ciò, l’IMSA ha permesso l’utilizzo alle 911 l’adozione di uno splitter anteriore fino a 50 mm massimo, oltre ad un’ala singola anteriore, un massimo di 25 mm nell’estensione dei passaruota e la rimozione dell’area posta dietro alle ruote anteriore.

Aumento di peso invece sia per le Ferrari F458 in versione GT3 Italia che per la BMW Z4 del Turner Motorsports che per la SRT Viper della Riley Technologies, il cui peso minimo aumenterà rispettivamente da 1310 a 1320 kg, da 1270 a 1295 kg e da 1310 a 1335 kg.

Garantito qualche giro motore in più per la coupè del Cavallino, da 8000 a 8150 rpm, mentre per avvantaggiare l’Audi R8 LMS in termini di velocità pura l’IMSA ha deciso di aumentare decisamente la coppia di restrittori del V10 “made in Italy” da 40 a 42 mm.

Piero Lonardo


Stop&Go Communcation

Ancora modifiche in vista della Lone Star Le Mans

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2014/09/2014_TUDORChampionship_VIR_Race_6.jpg USCC – Le revisioni al BoP per il COTA