Le nuove equivalenze del BoP volte a rallentare le LM P2 sortiscono l’effetto desiderato e le DPi tornano al top nelle libere del penultimo round del WeatherTech SportsCar Championship di Laguna Seca.

Al termine della giornata, sono infatti le due Acura e la Cadillac del WTR a primeggiare nella lista dei tempi. Renger van der Zande, vincitore qui lo scorso anno dopo quell’incredibile sorpasso al cavatappi, ha portato la DPi V.R #10 in testa al lotto delle 34 vetture iscritte nella sessione del mattino con 1.16.882, precedendo l’Acura di Dane Cameron di oltre 6 decimi e le due Nissan di oltre 1’, con Pipo Derani a precedere Ryan Dalziel.

Nella seconda sessione Cameron si è migliorato con 1.16.865, precedendo il compagno di squadra Helio Castroneves, il terzo pilota a scendere sotto l’1’17”. A seguire Filipe Albuquerque, fresco papà per la seconda volta, e finalmente la prima delle Global LM P2, l’Oreca del CORE Autosport trionfatrice delle ultime due gare con Colin Braun, unica ad avvicinarsi ai battistrada, a 4 decimi.

Ancora lontane le Mazda nonostante le cure del BoP, con la #55 costretta ai box per tutta la prima sessione per il cambio del motore.

Derani è al centro della notizia di mercato più importante del weekend. Il giovane brasiliano, sempre più positivamente nel mirino degli addetti ai lavori, nel 2019 correrà per Action Express sulla Cadillac #31 al fianco del connazionale Felipe Nasr. Eric Curran, campione 2016, fungerà da terzo pilota nelle gare lunghe del NAEC, posto che sarà occupato da Gabby Chaves fra un mese nel season finale, la Petit Le Mans.

Sulla gemella #5 invece, confermata per la prossima stagione l’accoppiata portoghese formata da Filipe Albuquerque e Joao Barbosa; ancora da definire invece la terza guida che sostituirà Christian Fittipaldi, che darà l’addio al team dopo Daytona, anche se Chaves sembra già il favorito.

Tra le GTLM, le Ford sembrano avere un passo diverso dal resto del lotto e hanno dominato entrambe le sessioni con altrettante doppiette. Al mattino Richard Westbrook si è appropriato della prima posizione con 1.23.644 precedendo di due decimi il compagno di squadra Joey Hand; nel pomeriggio invece è stata la GT #66 a terminare davanti con Dirk Mueller ed li tempo di 1.23.265 davanti a Ryan Briscole. Le Corvette seguono in tandem a distanza di 4 decimi; più lontane le Porsche e le BMW.

Ritorno vincente infine – almeno per ora – della Porsche del Park Place con Joerg Bergmeister in cima alla lista delle GTD con l’1.25.148 ottenuto nella seconda sessione davanti all’Acura di Alvaro Parente. P4 per la migliore delle Ferrari, quella del Garage Italia con Ozz Negri.

Nel primo turno è stato invece Jeroen Bleekemolen, con l’unica Mercedes iscritta dopo l’imprevisto forfait di Kenny Habul, fermato da un virus, e della AMG GT3 del SunEnergy1.

Nessuna interruzione da segnalare in entrambe le sessioni; il programma odierno prevede un terzo turno di libere e le qualifiche, rispettivamente alle 8.30 AM ed alle 12.45 PM, ora locale.

Piero Lonardo

I risultati delle Libere 1

I risultati delle Libere 2


Stop&Go Communcation

Pipo Derani si unisce ad Action Express per il 2019

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2018/09/Acura-1024x683.jpg USCC – Laguna Seca, Libere 1 e 2: Le Acura tornano al top