Eric Curran e Dane Cameron si aggiudicano la prima gara insieme nel Tudor USCC sul circuito cittadino dei Detroit-Belle Isle.

L’equipaggio della meno accreditata delle due Corvette DP dell’Action Express ha portato a casa un’insperata quanto meritata vittoria approfittando di qualche disattenzione altrui. Christian Fittipaldi prendeva la testa della gara partendo dalla pole, ma al restart successivo al contatto fra le due PC di Bruno Junqueira e Tom Kimber-Smith era Jordan Taylor a prendere la leadership.

A due terzi di gara la mossa decisiva da parte di un Dane Cameron scatenato, il quale si sbarazzava in un sol colpo di Joao Barbosa e di Jordan Taylor alla curva 3.

Inutile anche l’assalto finale del portoghese, che riusciva solo a girarsi, perdendo così anche la piazza d’onore a favore della Ligier JS P2-HPD del MSR di Ozz Negri e John Pew. Barbosa riusciva però a rintuzzare gli attacchi di Joey Hand, che terminava quarto con la Rile-Ford EcoBoost del Team Ganassi. Penalità invece per un contatto ai danni della Ferrari F458 di Scuderia Corsa per la Corvette del WTR, che sarà classificata settima assoluta.

Prima vittoria stagionale anche per Starworks in PC nella gara ad eliminazione che ha visto, oltre alle due entry dell’RSR e del PR1/Mathiasen autoeliminatesi al giro 32, subito fuori dalla lotta per il comando i capolista del CORE Autosport. Renger van der Zande della seconda parte di gara ha avuto la meglio prima di James Vance e poi di Stephen Simpson, che occupano gli altri due gradini del podio con le entry di Peformance Tech e JDC/Miller Motorsports.

Infine nuova vittoria per la Porsche 911 GT America del Team Seattle/Alex Job Racing di Ian James e Mario Farnbacher, capace di risalire lo schieramento dopo una qualifica non esaltante che la vcedeva partire solo dalla quinta piazzola della categoria.

La prima parte di gara è stata appannaggio dell’Audi del Paul Miller Racing partita dalla pole di Dion von Moltke, seguita dall’Aston Martin di Christina Nielsen e dalla Viper di Ben Keating, che però presto lasciava la compagnia per un contatto alla curva 6. La Porsche #23 usciva invece bene dal pit e poteva condurre fino al traguardo davanti alla Aston e all’Audi, che completavano il podio.

Nel finale, brivido per l’uscita di strada che ha coinvolto diverse vetture e un camion dell’assistenza, centrato dall’Aston Martin di James Davison mentre stava disponendo delle vetture rimaste ferme lungo la curva 1 a causa della pista resa scivolosa dalla pioggia. Fortunatamente non si lamentano particolari conseguenze fisiche ai piloti e ai lavoratori dell’assistenza.

In classifica generale, i campioni in carica Barbosa e Fittipaldi condividono la leadership tra le Prototypes insieme ai trionfatori di Laguna Seca del VisitFlorida.com, quest’oggi terminate al quinto posto dopo un testacoda nell’ultimo terzo di gara; torna invece al comando col quarto posto odierno l’equipaggio del CORE Autosport in PC. Tra le GTD infine, Cristopher Haase e Dion von Moltke hanno consolidato la propria leadership, complice anche i ritiri dei più vicini avversari in classifica.

Ora il TUSCC si prenderà una pausa per ritornare in grande stile con la 6 Ore del Glen, valida anche quale terza prova della North American Endurance Cup, in programma il 28 giugno prossimo.

Piero Lonardo

L’ordine di arrivo


Stop&Go Communcation

Big crash nel finale, coinvolto un truck dell’assistenza

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2015/05/Corvett3DP31.jpg USCC – Detroit, Gara: Action Express, seconda vittoria stagionale