Il consorzio DeltaWing, capeggiato da Don Panoz, come ampiamente previsto, alla fine ha intentato causa nei confronti dell’ex progettista Ben Bowlby e dell’ex fornitore motoristico Nissan, per “Danni e provvedimenti ingiuntivi derivanti da furto di informazioni riservate e di proprietà, appropriazione indebita di segreti commerciali, violazione dei contratti, ingiusto arricchimento, frode e negligenza in falsa dichiarazione”.

Si è appreso ora che questo esposto è stato consegnato alla corte superiore della contea di Jackson, Georgia venerdì 2 novembre dalla Delta Wing LLC, vale a dire dal consorzio a suo tempo formato da Chip Ganassi e dalla Delta Wing Project 56 LLC, che a sua volta comprende diverse figure importanti, tra cui lo stesso Ganassi ed il general manager Don Panoz, in funzione della realizzazione dell’avveniristico prototipo che ha partecipato come 56mo garage, quello destinato alle innovazioni tecnologiche, alla 24 Ore di Le Mans 2012 e poi alla Petit Le Mans 2012.

DSC07167 copia

La denuncia contro l’ex progettista della DeltaWing, attualmente direttore delle innovazioni sportive Nissan Ben Bowlby, il direttore globale delle attività sportive Nissan Darren Cox, la Nissan Motor Company Ltd., la Nissan Motorsports International Company Ltd., la Nissan International S.A., e la Nissan North America, Inc., e richiede “soluzioni transitorie e permanenti, un provvedimento d’urgenza ed il risarcimento dei danni.”

Il Delta Wing group si riferisce in particolare alla relazione fra la DeltaWing e la nuova Nissan Zero Emission On Demand Racing Car (ZEOD RC), disegnata dallo stesso Bowlby e presentata al penultimo round del WEC al Fuji ed assegnataria del 56mo garage alla prossima 24 Ore di Le Mans (leggi articolo QUI), oltre che al nuovo concept Nissan BladeGlider, del quale trovate informazioni QUI. Il provvedimento ovviamente tende ad evitare che Nissan utilizzi qualsiasi veicolo che assomigli alla DeltaWing originale

Nissan e Bowlby sono stati accusati di essersi appropriati in modo indebito di segreti commerciali di proprietà del consorzio DW, licenziati esclusivamente alla Delta Wing Project 56, usandole per competere contro DW e DWP56. Gli imputati avrebbero inoltre violato i loro contratti con la DWP56, frodando e fornendo false dichiarazioni nei confronti della DWP56.

La Nissan dal canto suo, attraverso un proprio portavoce legato al progetto ZEOD RC, ha fornito ad un noto media la seguente dichiarazione: “La Nissan ZEOD RC è un nuovo disegno. Nissan non da il via libera a nessun progetto che possa violare i diritti di proprietà intellettuale da parte di terzi.”

Inutile dire che la somiglianza fra DW, ZEOD RC e BladeGlider è evidente. Staremo a vedere a cosa porterà questo atto, che segna sicuramente uno spartiacque definitivo nei rapporti fra DeltaWing ed il costruttore nipponico, ritenuto sicuramente reo di avere “abbandonato la nave” al termine della scorsa stagione.

Piero Lonardo


Stop&Go Communcation

Il consorzio DeltaWing, capeggiato da Don Panoz, come ampiamente previsto, alla fine ha intentato causa nei confronti dell’ex progettista Ben […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2013/12/DW_COTA.jpg USCC – DeltaWing fa causa a Nissan