Sorpresa nell’ultima ora di prove libere della Rolex 24 di Daytona. Grazie ad un meteo finalmente clemente, la DeltaWIng (nella foto) che qui ha sfoggiato una nuova livrea patriottica, ha segnato la migliore prestazione del weekend con 1.38.590 nelle mani di Katharine Legge. Ricordiamo che la DeltaWing partirà dal fondo dello schieramento dei prototipi, non avendo partecipato alle qualifiche.

Distanziate di 3 decimi e 1”2 i primi inseguitori, le due Ligier JS P2 motorizzate Honda di Michael Shank Racing e Extreme Speed Motorsports. Ancora più indietro la prima delle due Mazda, la Corvette DP del WTR e la migliore delle due entry del’Action Express Racing e poi ancora le due Riley-Ford EcoBoost del Team Ganassi, tutte entro l’1’40”.

Problema di motore purtroppo infine per la BR01 dell’SMP Racing, che partirà comunque dalla pole position nonostante il cambio del propulsore Nissan.

Tom Kimber-Smith ha invece guidato la muta delle Oreca PC con la entry del PR1/Mathiasen Motorsports ed il tempo di 1.43.283 davanti alla vettura del DC-Miller Motorsports.

Tra le GTLM, dominio delle BMW M6 GTLM nelle mani di Bill Auberlen e Lucas Luhr, autori rispettivamente di 1.44.966 e 1.45.199. L’accoppiata delle coupè bavaresi, che per l’occasione presentano una nuova livrea per commemorare il centenario della nascita della casa automobilistica, hanno distanziato di 3 decimi il primo degli inseguitori, l’altrettanto nuova Ferrari 488 GTE di Scuderia Corsa. Solo P9 la Porsche 911 RSR in pole position con Nick Tandy.

Va detto comunque che, almeno secondo i dati collezionati dall’IMSA, un po’ tutti costruttori avrebbero nascosto le prestazioni delle nuove vetture durante la Roar Before the 24, i test collettivi di due settimane or sono. Non ci risulta siano stati ancora presi provvedimenti in merito.

In GTD infine, Joerg Bergmeister ha ribadito la consistenza delle nuove Porsche 911 GT3 R e in particolare di quella in pole del Park Place con il tempo di 1.47.594, distanziando di oltre mezzo secondo il primo degli inseguitori, la Lamborghini Huracán GT3 del Paul Miller Racing che schiera tra gli altri Mirko Bortolotti. A seguire l’altra Lambo dell’O’Gara Motorsport con il nostro Edoardo Piscopo e la prima delle due BMW M6 del Turner Motorsport, la #96 di Bret Curtis, Jens Klingmann, Ashley Freiberg e Marco Wittman.

Assente dalla sessione la Dodge Viper del Riley Motorsports, mentre è finalmente tornata in pista la Lamborghini del Change Racing, incidentata nella giornata di giovedì.

Tutto è pronto per start della 54ma Rolex 24 alle 2.40 PM ora locale. Il meteo dovrebbe essere favorevole per tutta la durata della gara.

Piero Lonardo

La classifica delle Libere 4

La Griglia di partenza della 54ma Rolex 24 a Daytona


Stop&Go Communcation

BMW al top in GT

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2016/01/DW-1.jpg USCC – Daytona, Libere 4: La DeltaWing stupisce sull’asciutto