La notte della Florida prosegue con un Mike Conway che ancora una volta fa valere le proprie abilità e, grazie ad un doppio stint, riporta la Cadillac #31 al comando davanti alla Acura Penske #7 e al compagno di squadra Christian Fittipaldi.

Alla metà della quattordicesima ora il primo colpo di scena, con la Acura di Graham Rahal in quarta posizione costretta ai box per problemi elettrici. La sosta costerà oltre 24 giri di ritardo dalla lotta per il vertice, che ha perso nel frattempo definitivamente anche la Nissan rimasta, con Pipo Derani ai box con il motore in fiamme.

Il duello di testa si sposta tra la Cadillac #5, che riprende il comando con Filipe Albuqerque, e la Acura di Helio Castroneves. Il portoghese allunga ma al termine della quindicesima ora una incredibile caution deployata dalla direzione gara per il contatto della Porsche di Joerg Bergmeister con le barriere della Bus-stop chicane, con la 911 del Park Place che peraltro prosegue tranquillamente senza danni sostanziali, permette il riavvicinamento dei tre prototipi di testa.

Durante questa neutralizzazione, la terza solamente della giornata, la Corvette #3 approfitta per sostituire i dischi freni e rientrare nel giro delle due Ford leader in GTLM, che nel frattempo si sono scambiate le posizioni, con Richard Westbrook a precedere Sebastien Bourdais, assegnato anche quest’anno agli stint in notturna.

Poco dopo il restart, il contatto che vale una gara tra Felipe Nasr e Castroneves nella lotta per la seconda posizione. L’Acura #6 ha la peggio ed è costretta ad una lunghissima sosta ai box per riparare i danni al telaio, alla carrozzeria ed al radiatore destro. La terza posizione viene ereditata con merito dalla Ligier #32 dello United Autosports con Bruno Senna. La vettura gemella di Fernando Alonso al volante procede in 13ma posizione di categoria dopo due forature ed un problema ai freni.

Infiamma anche la lotta fra le GTD, che dopo gli stint al comando dell’Acura NSX di Alvaro Parente e della Ferrari Spirit of race con Paul dalla Lana – quest’ultima grazie alla caution ed al gioco dei pitstop – vede Andrea Caldarelli prendere saldamento il comando con la Lamborghini del Paul Miller Racing (in foto) sull’Acura di Parente e sulla rientrante Mercedes AMG GT3, ora nelle mani esperte di Jeroen Bleekemolen. Ora la Ferrari 488 GT3 meglio piazzata è quella di Frankie Montecalvo di Scuderia corsa, quinta.

In GTLM infine, ristabilite a due terzi di gara le posizioni tra le due Ford, con Bourdais a precedere Westbrook ed un Antonio Garcia sempre più vicino, poco oltre il minuto. Da segnalare le ennesime soste per la Porsche #911 di Nick Tandy e della BMW di Bill Auberlen, mentre la Ferrari del Risi Competizione è costretta ad inseguire in P7 ad altrettanti giri dalle due GT dell’ovale mentre il sole è da poco sorto nuovamente sulla pista della Florida.

Piero Lonardo

La classifica alla sedicesima ora di gara


Stop&Go Communcation

La Corvette #3 nel giro dei primi grazie ad una caution. Caldarelli innalza la Lamborghini in GTD

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2018/01/AXR5N_gd2-1024x683.jpg USCC – Daytona, 16ma ora: Le Acura Penske ko, adesso è uno-due Cadillac