La penultima gara del WeatherTech SportsCar Championship sul Circuit Of The Americas alla fine ha rispettato i pronostici, regalando un podio assoluto tutto Corvette.

Sugli scudi la DP #10 dei fratelli Taylor, che ha mantenuto il comando per tutti i 160’ di gara, nonostante nelle fasi finali Jordan Taylor si sia trovato in difficoltà, ed un testacoda all’ultima curva ha permesso all’altra DP di Dane Cameron di chiudere fino ad arrivare quasi al contatto. Alla fine il popolare JT però riuscirà a rintuzzare gli attacchi dell’ex campione GTD 2014 e a transitare sul traguardo con quasi 2” di vantaggio.

Terza piazza per l’altra Action Express di Joao Barbosa e Christian Fittipaldi, a precedere di un giro l’unica Mazda superstite di Tristan Nunez e Joel Miller. Gara da dimenticare invece per il Michael Shank Racing, desolatamente 21mi a 3 giri dopo che John Pew che dopo un testacoda ha portato anche a spasso un cartellone pubblicitario.

Nella classifica delle Prototypes, l’accoppiata della #31 passa al comando sui compagni di squadra, mentre i fratelli Taylor si avvicinano alla vetta.

Una grande prestazione di James French e del neoacquisto Nick Boulle stava portando alla sospirata prima vittoria del 2016 tra le PC del Performance Tech, ma nelle fasi finali French, che ha dominato la seconda parte di gara, ha dovuto cedere all’equipaggio di punta di Starworks formato da Renger van der Zande ed Alex Popow, che con questa vittoria, la quarta stagionale, hanno incrementato il proprio vantaggio in classifica generale, e a quello del PR1/Mathiasen, Tom Kimber-Smith e Robert Alon, rassegnandosi al gradino basso del podio.

start_gt

Ancora una gara sfortunata invece per Toni Vilander, Giancarlo Fisichella e Risi Competizione. Al via il finlandese aveva subito la meglio sulla Ford in pole di Ryan Briscoe e passava a condurre con passo sicuro fino al primo pit. Giancarlo Fisichella ereditava la testa in regime di caution, ma poco dopo il successivo restart, cadeva trappola di Patrick Pilet, che approfittava del traffico per installarsi al comando; il dominio della 911 però durava pochissimo, perché il romano riusciva a reinstallarsi al comando.

Purtroppo un problema di natura elettrico a circa 20’ dalla fine ha privato la squadra di Houston della meritatissima W, con Toni Vilander, che aveva ripreso il volante della 488 GTE all’ultimo pit, costretto ad una nuova sosta per le necessarie sistemazioni. Alla fine è quindi è doppietta Porsche, e prima vittoria dell’anno per l’equipaggio della #912 formato da Earl Bamber e Fred Makowiecki davanti ai compagni di squadra Nick Tandy e Patrick Pilet. Terza piazza per la Corvette di Jan Magnussen ed Antonio Garcia. In campionato sono i teammate Gavin e Milner mantengono la leadership grazie al quinto posto finale.

La Ferrari si riscatta in GTD grazie ad una gara maiuscola di Alessandro Balzan, che porta la 488 GT3 sul podio. Piccolo dramma finale per Mario Farnbacher con la Porsche del Team Seattle, che rimane senza carburante all’ultimo giro, perdendo la seconda piazza dopo aver primeggiato agilmente la categoria nella prima parte di gara col poleman Alex Riberas.

Vittoria a sorpresa per la BMW M6 GT3 del Turner Motorposrt di Jens Klingmann e Bret Curtis, che precede la Lamborghini di Bryan Sellers e Madison Snow. Titolo quasi matematico per l’equipaggio di Scuderia Corsa, che a Road Atlanta fra tre settimane deve sostanzialmente arrivare al traguardo.

Piero Lonardo

L’Ordine di arrivo 


Stop&Go Communcation

Ferrari-Risi, che sfortuna! Doppietta Porsche in GTLM

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2016/09/Start_DP-1024x682.jpg USCC – COTA, Gara: 1-2-3 Corvette con WTR e AXR