Ancora le Cadillac DPi in evidenza dopo la prima giornata di test collettivi in vista dell 12 Ore di Sebring, secondo appuntamento del WeatherTech SportsCar Championship.

Filipe Albuqerque ha infatti fissato il miglior tempo nella seconda sessione su 1.49.759 con la DPi V.R #5 dell’Action Express, facendo eco alla miglior prestazione del compagno di squadra Dane Cameron, il migliore del mattino, secondo tempo assoluto del giovedì.

Va detto che nonostante le recenti modifiche al BoP il passo dei prototipi realizzati da Dallara è stato trionfale, con i 7 piloti presenti ad occupare le prime posizioni del ranking provvisorio. Assenti solamente il pilota Toyota Mike Conway e Ricky Taylor, che nella stessa giornata ha coronato il sogno di pilotare una monoposto IndyCar grazie al team Penske, che gli ha messo a disposizione nientemeno che la vettura del campione in carica Simon Pagenaud nella vicina Homestead.

Solo P8 quindi per Olivier Pla sulla Ligier LM P2 a motore Gibson del PR1/Mathiasen, a 1”4 dalla vetta, e ancora più lontane le altre DPi, con Jonatham Bomarito e la Mazda #55 col decimo tempo, dietro l’Oreca del JDC-Miller di Stephen Simpson.

Non ha girato il neoacquisto del costruttore giapponese, Marino Franchitti, il cui impegno dovrebbe essere limitato, almeno per ora, alla classica della Florida.

One-shot, ma solo per questi test, nientemeno che per Juan Pablo Montoya. Il due volte vincitore della Indy 500 (nella foto) sarà infatti al volante della Ferrari 488 GTE del Risi Competizione nella giornata di venerdì. Il test, reso possibile da comuni amicizie con il patron di Houston, non implica una partecipazione di Montoya alla gara, che vedrà insieme ai “regular” Giancarlo Fisichella e Toni Vilander, ancora una volta James Calado.

Ferrari che conclude la prima giornata con il quinto tempo assoluto con il finlandese dietro a tre piloti Ford, capeggiati da Dirk Mueller, autore della miglior prestazione nel pomeriggio con 1.58.894, e alla BMW di Alexander Sims, il migliore del primo turno, a poco meno di 3 decimi dalla vetta. Ford dovrebbe essere presente con tre esemplari della GT, per completare il trittico iniziato lo scorso anno a Le Mans e proseguito in gennaio a Daytona. Non ancora noto l’equipaggio della terza vettura.

Il deb Chuck Quinton è stato invece il migliore fra le sole due PC in pista, con la entry #8 di Starworks.

Vetture tedesche infine al top con Porsche e Audi ad occupare fin qui le prime due file virtuali di questi test tra le GTD. Miglior prestazione per Colin Braun con la 911 GT3 R del CORE Autosport ed il tempo di 2.02.691 davanti all’Audi R8 LMS di Lawson Aschenbach.

A spezzare il dominio teutonico, che virtualmente si estende a tutta la top ten se consideriamo anche le Lamborghini Huracan, che come noto condividono svariati particolari con le R8 di Ingolstadt, la Lexus RCF GT3 del 3GT Racing, condotta da Jack Hawksworth.

Grane in vista per il deus ex-machina del 3GT, Paul Gentilozzi, dopo che la corte federale del Michigan ha accolto l’istanza avanzata da Ryan Hunter-Reay per l’appiedamento nelle ultime due gare della Champ Car 2005 da parte del Rocketsport, la precedente incarnazione della squadra conosciuta poi anche come RSR Racing. La cifra di 3,3 milioni di USD, in attesa del ricorso dovrebbe essere escussa dai beni personali del team owner, senza influire sulla presenza del costruttore giapponese nella serie.

Venerdì si riprende con altre 8 ore di attività in pista suddivise in due sessioni, a partire dalle 8.00 AM ora locale.

Piero Lonardo

I risultati della prima sessione

I risultati della seconda sessione


Stop&Go Communcation

Montoya venerdì sulla Ferrari-Risi!. Ricky Taylor assaggia l’IndyCar con Penske

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2017/02/JPM.jpg USCC – Albuquerque guida la carica nei test di Sebring