Un’altra stagione contraddistinta da importanti successi è esattamente quello che vuole Peugeot-Sport per il 2010, durante il quale vuole bissare tutti i trionfi conseguiti l’anno passato, come annuncia Jean-Marc Gales, direttore generale di Peugeot: “Diretta da Olivier Quesnel, Peugeot-Sport ha assolto tutti i suoi obiettivi nel 2009. Sono molto orgoglioso del lavoro svolto dai membri del team. Mi congratulo con loro, ma non bisogna rilassarsi. Non dobbiamo riposare sugli allori. Il nostro fine è la vittoria, che si acquisisce mediante un lavoro ed una preparazione perfetta. L’obiettivo è quello di vincere la 24 Ore di Le Mans 2010 e preparare un nuovo prototipo per continuare a vincere nel 2011!”  

Sostanziali i cambiamenti apportati alla Peugeot 908 HDi-FAP, che Bruno Famin, direttore tecnico, ci illustra: “Con la riduzione delle flange e della pressione di sovralimentazione, abbiamo perso circa 40cv. Nel frattempo, i motori a benzina ne dovrebbero guadagnare circa 30. Questo dato non è assolutamente trascurabile, soprattutto sul rettilineo dell’Henaudières, sapendo che Aston Martin è già stata vicino a noi in quanto a velocità massima. Il motore adesso ha una migliore combustione, nonché una riduzione degli attriti nel corso di una collaborazione con Total”.  

“E’ un onore far parte della famiglia Peugeot”, ha dichiarato Simon Pagenaud, annunciato quest’oggi in seno a Peugeot-Sport. “I miei compagni di squadra sono straordinari, e mi sento molto motivato e pronto a conquistare la vittoria”. 

“Una quarta pole-position a Le Mans sarebbe bella, ma il nostro obiettivo è la vittoria. Tale programma è la nostra vita. Pensiamo a questo tutti i giorni, pensiamo solo a questo!”, ha dichiarato Stephane Sarrazin, fautore l’anno scorso della pole-position alla 24 Ore di Le Mans, segnando un miglior crono di 3’22”.888.  

Il microfono viene passato a Anthony Davidson, ex-pilota di Formula Uno con Super Aguri: “Sono molto felice di poter pilotare la Peugeot 908. E’ un volante che corrisponde a tutte le mie aspettative e sono orgoglioso di essere il primo britannico a sedermi nell’abitacolo di una 908. La vettura l’avevo già provata nel 2008, e ne rimasi innamorato”. 

Il vincitore della 24H Le Mans 2009 Alexander Wurz, al tempo coadiuvato da Genè e Brabham, esterna i propri sentimenti: “Tutti cadono sotto l’incantesimo di questa vettura, la quale, secondo il mio parere, è una delle più performanti che io abbia mai guidato. Lo scenario è superbo e la 24 Ore di Le Mans promette di essere combattuta. Su tre apparizioni a Le Sarthe, ho vinto due volte, è una buona statistica. Tuttavia ho ancora voglia di vincere per migliorare questa cifra!” 

Marc Genè racconta dei momenti vissuti durante l’ultimo giro della 24 Ore di Le Mans 2009, quando a vincere fu l’equipaggio #9, in cui era iscritto anche lo spagnolo: “Fu molto speciale. Provai a guardare il pubblico, ma stetti allo stesso tempo concentrato sulla pista. Mi commossi e piansi. Dopo 24 ore e tutto quel lavoro, l’emozione fu fantastica. Quello fu il momento più memorabile della mia carriera sportiva. Dopo quattro anni di onorata carriera, la 908 è quasi perfetta. E’ una vettura molto affidabile e se abbiamo vinto l’anno scorso, non capisco perché non dovremmo riuscirci anche quest’anno.” 

“L’edizione 2010 della 24H Le Mans sarà una lunga gara sprint, durante la quale abbiamo bisogno di tre vetture di vertice”, ha commentato Olivier Quesnel, “boss” di Peugeot-Sport e Citroen-Sport. “Inoltre, abbiamo preso in maggior considerazione l’aspetto emotivo”.  

Quesnel si esprime anche su Sebastien Loeb, che ha deciso di metter da parte Le Mans, concentrandosi invece a 360° sui Rally: “Non abbiamo nascosto che stavamo prendendo in considerazione la sua partecipazione. Esso era sicuro della sua prestazione: ce lo ha assicurato durante il suo secondo test. Quindi abbiamo deciso di pronunciarci dopo il Rally di Svezia. Il calendario è molto stretto, con solo tre giorni di riposo a marzo e, per vincere Le Mans, si deve essere focalizzati al 100% su questo obiettivo. Sebastien sta conducendo i test con la Citroen DS3, ed ha cinque rally prima di Le Mans. Abbiamo preso la decisione giusta”. 

Su una ipotetica partecipazione alla Petit Le Mans, uno dei tre round della LMIC, gli altri due sono 1000km di Silverstone e Shanghai, Olivier Quesnel ha brevemente commentato: “Nessun budget, ma mai dire mai”.

Gabriele Sbrana


Stop&Go Communcation

Un’altra stagione contraddistinta da importanti successi è esattamente quello che vuole Peugeot-Sport per il 2010, durante il quale vuole bissare […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/endurance021.jpg Le Mans – Il microfono passa ai protagonisti di Peugeot-Sport