Una debole pioggia accoglie l’edizione del 90mo anno della 24 Ore di Le Mans. Tutte le 56 vetture compresa l’Oreca dell’ADR-Delta e la Corvette Larbre, incidentate nel warm-up, possono prendere il via sotto la bandiera data da Bill France, big man della United Sports Car Racing.

Subito lotta fra le Audi R18 e-tron quattro con Andrè Lotterer, che passa Allan McNish per la P1 e scava presto il vuoto mentre Nicolas Lapierre con la Toyota #7 passa prima Lucas di Grassi con la terza Audi e poi anche lo scozzese.

Al termine del primo giro anche Anthony Davidson con la seconda Toyota passa Di Grassi e qualche curva dopo anche McNish mentre davanti Lapierre insidia addirittura il leader Lotterer.

Nick Heidfeld ed Andrea Belicchi con le due Lola Rebellion tengono agevolmente il passo delle vetture ufficiali, esclusi i due battistrada, che stanno facendo corsa a se.

In P2 Olivier Pla mantiene la pole di categoria con la Morgan Oak davanti a John Martin con l’Oreca del G-Drive. Presto dietro i due battistrada si fanno largo l’Alpine Signatech di Nelson Panciatici e la Morgan del KCMG di Alexandre Imperatori. Problemi al cambio per Shinji Nakano con l’Oreca dell’ADR-Delta reduce dall’incidente del warm-up ed elettronici per Brendon Hartley e l’altra Oreca del Murphy Prototypes.

In GT, davanti le Aston Martin di Darren Turner e Rob Bell davanti alla Porsche di Marc Lieb, che presto si libera dell’inglese e passa in seconda piazza tra le Pro. Allan Simonsen con l’Aston dall’equipaggio tutto danese precede uno squadrone di Porsche composto da Pat Long, Wolf Henzler e Paolo Ruberti nelle GTE-Am. Purtroppo la prima defezione della gara è proprio per Simonsen che al terzo giro sbatte a Tertre Rouge dove stava piovendo un po’ più forte. Duro impatto e ingresso della prima safety car.

L’Alpine Signatech e l’Oreca del G-Drive approfittano della lunga sosta della gara per anticipare la prima sosta. La prima ora di gara, ancora sotto safety car a causa delle operazioni di estrazioni dello sfortunato pilota Aston Martin prima – che fortunatamente risulta cosciente – e di riparazione del guard-rail poi,  termina con l’Audi di Lotterer davanti alle Toyota di Lapierre e Davidson.

In P2 Olivier Pla conduce sulla Morgan del KCMG e alla Zytek dello Jota Sport con Oliver Turvey. In GTE-Pro  la Porsche di Marc Lieb è sempre presa a sandwich tra le due Aston di Darren Turner e Rob Bell, mentre in GTE-Am Pat Long con la Porsche del Dempsey Del Piero  precede la vettura gemella dell’IMSA performance Matmut di Wolf Henzler e, grazie alla sosta della Porsche Proton, ora con Christian Ried al volante, la ferrari AF Corse di Marco Cioci

Piero Lonardo

La classifica al termine della prima ora


Stop&Go Communcation

Una debole pioggia accoglie l’edizione del 90mo anno della 24 Ore di Le Mans. Tutte le 56 vetture compresa l’Oreca […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2013/06/start-copy.jpg Le Mans – Gara, 1a Ora: Lotterer contiene le Toyota. Brutta botta per Simonsen