La 59esima edizione della 12 Ore di Sebring va alla Peugeot. Anzi, ad una Peugeot: la vecchia 908 HDi schierata dal Team Oreca, alla vigilia quinto incomodo nella battaglia tra le Audi e le Peugeot ufficiali. Con una corsa praticamente impeccabile, tuttavia, la scuderia francese è riuscita a conquistare un successo clamoroso, a dieci anni dall’ultima apparizione in Florida con la mitica Dodge Viper.

A tagliare il traguardo è stato Loic Duval (alternatosi al volante con Nicolas Lapierre e Oliver Panis), che nel finale, per evitare brutte sorprese, ha effettuato un velocissimo rifornimento concludendo con 31 secondi di vantaggio sul trio dell’Highcroft Racing.

Simon Pagenaud, David Brabham e Marino Franchitti hanno portato subito a podio la neonata HPD di classe LMP1, precedendo la 908 factory di Franck Montagny, Stephane Sarrazin e Pedro Lamy. Il portoghese è incappato in un testacoda nel suo giro di uscita, e in precedenza la vettura aveva patito il distacco del musetto: un inconveniente, avvenuto alla decima ora, che è costato ben un giro per le riparazioni e di conseguenza una vittoria altrimenti alla portata.

I primi tre classificati hanno comunque concluso tutti nello stesso giro, a dimostrazione dell’intensità di questa “battaglia”.

L’altra Peugeot, la numero 3, ha visto compromesse quasi subito le proprie chances a causa di un contatto alla Curva 17 con l’Audi #2 guidata dal nostro Dindo Capello, poi 4° insieme a Tom Kristensen e Allan McNish. Wurz/Gené/Davidson hanno invece ottenuto una magra 8° posizione. La R15 Plus di Rockenfeller/Bernhard/Dumas (5°), è stata invece vittima della foratura della ruota posteriore sinistra in ben due occasioni consecutive.

In LMP2 trionfo del Level 5 Motorsport, con la Lola Honda coupé affidata al patron Scott Tucker, a Luis Diaz e Ryan Hunter-Reay, abituale protagonista della IndyCar. La squadra era all’esordio in questa categoria, e nonostante un piccolo problema tecnico è riuscita a battere la velocissima Oreca-Nissan della Signatech, che aveva ottenuto la pole grazie a Soheil Ayari.

La classe LMPC è appannaggio del Genoa Racing con Dane Cameron, Jens Peterson e Michael Guasch, capaci di artigliare per giunta il 9° posto assoluto. Battuto il CORE Autosport di Ryan Dalziel e la OAK Racing del nostro Andrea Barlesi.

Successo della BMW in GT, a distanza di 12 anni da quello datato 1999. Joey Hand, Dirk Mueller e Andy Priaulx hanno preceduto la M3 gemella di Dirk Werner, Augusto Farfus e Bill Auberlen. Milner ha superato a 35 minuti dal termine la Corvette di Milner/Beretta/Garcia, dopo aver recuperato da una precedente foratura. Le bagarre fra le Gran Turismo nel complesso è stata davvero appassionante, con cinque cambi di leadership e le prime sei auto al traguardo tutte nello stesso giro.

Epilogo un po’ deludente per i poleman Bruni/Fisichella/Kaffer, soltanto 4° di classe alla guida della Ferrari F430 della AF Corse. Il migliore esemplare della nuova F458 Italia è stato quello di Deletraz/Ortelli/Makowiecki.

La casa di Maranello si riscatta con il dominio in GTE-Am del Krohn Racing, grazie all’equipaggio formato dal proprietario Tracy Krohn, da Nic Jonsson e dal veneto Michele Rugolo, che hanno avuto vita facile dopo i problemi accusati dalla Porsche del Proton Competition, costretta ad alcune soste extra ai box.

La classe GTC va al Black Swan Racing di Damien Faulner, davanti al team TRG e all’NGT Motorsports.

L’American Le Mans Series sarà prossimamente di scena a Long Beach il 15 aprile, mentre il cammino dell’Intercontinental Le Mans Cup proseguirà a Spa-Francorchamps, per la 1000 km del 7 maggio.

Classifica

01. Lapierre/Duval/Panis – Peugeot (LMP1) – 332 giri
02. Brabham/Franchitti/Pagenaud – HPD (LMP1) – a 31.868
03. Montagny/Sarrazin/Lamy – Peugeot (LMP1) – a 44.502
04. Capello/Kristensen/McNish – Audi (LMP1) – a 5 giri
05. Bernhard/Dumas/Rockenfeller – Audi (LMP1) – a 6 giri
06. Dyson/Smith/Cochran – Lola Mazda (LMP1) – a 8 giri
07. Prost/Jani/Bleekemolen – Lola Toyota (LMP1) – a 12 giri
08. Wurz/Gene/Davidson – Peugeot (LMPC) – a 17 giri
09. Petersen/Cameron/Guasch – Oreca (LMPC) – a 20 giri
10. Priaulx/Muller/Hand – BMW (GT)  – a 20 giri
11. Bennett/Montecalvo/Dalziel – Oreca (LMPC) – a 20 giri
12. Farfus/Auberlen/Werner – BMW (GT) – a 20 giri
13. Beretta/Milner/Garcia – Corvette (GT) – a 20 giri
14. Gavin/Magnussen/Westbrook – Corvette (GT) – a 21 giri
15. Fisichella/Bruni/Kaffer – Ferrari (GT) – a 21 giri
16. Bergmeister/Long/Lieb – Porsche (GT) – a 22 giri
17. Law/Neiman/Holzer – Porsche (GT) – a 26 giri
18. Jeannette/Gonzalez/Junco – Oreca (LMPC) – a 27 giri
19. Krohn/Jonsson/Rugolo – Ferrari (GTE Am) – a 30 giri
20. Tucker/Hunter-Reay/Diaz – Lola Honda (LMP2) – a 32 giri
21. Pappas/Faulkner/Bleekemolen – Porsche (GTC) – a 33 giri
22. Enda/Pumpelly/Li – Porsche (GTC) – a 33 giri
23. Cisneros/Kauffmann/Edwards – Porsche (GTC) – a 36 giri
24. Ham/Blackett/Cumming – Porsche (GTC) – a 37 giri
25. Von Moltke/Ludwig/Norman – Porsche (GTC) – a 37 giri
26. Robertson/Robertson/Said – Ford (GT) – a 38 giri
27. Lux/Julian/Zugel – Oreca (LMPC) – a 38 giri
28. Ortelli/Mackowiecki/Deletraz – Ferrari (GT) – a 40 giri
29. LeSaffre/Davis/Faieta – Porsche (GTC) – a 41 giri
30. Mailleux/Ordonez/Ayari – Oreca-Nissan (LMP2) – a 42 giri
31. Barlesi/da Rocha/Lafargue – Pescarolo Judd (LMP2) – a 45 giri
32. Potter/Stanton/Marsh – Porsche (GTC) – a 50 giri
33. Tucker/Bouchut/Barbosa – Lola Honda (LMP2) – a 52 giri
34. Sweedler/Keen/Wong – Porsche a 53 giri
35. Brown/Cosmo/Bell – Ferrari (GT) – a 64 giri
36. Melo/Vilander/Salo – Ferrari (GT) – a 66 giri
37. Murry/Lazzaro/Braun – Ford (GT) – a 71 giri
38. Jones/Moran/Wilden Jaguar (GT) – a 76 giri
39. Lietz/Roda/Ried – Porsche (GTE Am) – a 80 giri
40. Nicolosi/Boon/Lueders – Oreca (LMPC) – 246 giri
41. Miller/Rast/Maassen – Porsche (GT) – 231 giri
42. Ehret/Lynn/Wills – Ferrari (GTE Am) – 226 giri
43. Lahaye/Moreau/Ragues – Pescarolo Judd (LMP1) – 222 giri
44. Henzler/Sellers/Ragginger – Porsche (GT) – 220 giri
45. Moro/Mowlem/Lombard – Oreca (LMPC) – 203 giri
46. Dobson/Lewis/Richard – Oreca (LMPC) – 185 giri
47. Pickett/Graf/Luhr – Lola Aston Martin (LMP1) – 151 giri
48. Nicolet/Hein/Yvon – Pescarolo Judd (LMP1) – 111 giri
49. Curtis/Sofronas/Seyffarth – Porsche (GTC) – 87 giri
50. Marcelli/Drissi/Mitchell – Oreca (LMPC) – 86 giri
51. Sharp/van Overbeek/Farnbacher – Ferrari (GT) – 49 giri
52. Bornhauser/Canal/Gardel – Corvette (GTE Am) – 37 giri
53. Junqueira/da Matta/Servia – Jaguar (GT) – 35 giri
54. James/Leuenberger – Panoz (GT) – 19 giri
57. Pastorelli/Schwager – Lamborghini (GT) – 10 giri
58. Giroix/Goethe/Wainwright – Aston Martin (GTE Am) – 5 giri


Stop&Go Communcation

La 59esima edizione della 12 Ore di Sebring va alla Peugeot. Anzi, ad una Peugeot: la vecchia 908 HDi schierata […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/enduranceendurance-200211-01.jpg ILMC – Sebring, Gara: Vittoria a sorpresa di Oreca con la vecchia Peugeot