Quasi 25 mila spettatori hanno assistito al Test Day svoltosi oggi in preparazione alla 24 Ore di Le Mans, che ha sancito il grande esordio della nuova Audi R18. Dopo il primato stabilito questa mattina da Romain Dumas, nella sessione pomeridiana è stato lo specialista Tom Kristensen a ottenere il miglior tempo in 3:27.687, al volante della vettura numero 3.

Il danese ha girato a 8″ dalla pole-position dello scorso anno, quando i regolamenti offrivano vetture molto più prestanti. È di 128 millesimi il distacco del secondo classificato, l’equipaggio #1 che ha visto Mike Rockenfeller in azione.

La casa tedesca non è riuscita a fare tripletta per un soffio, visto che nelle battute conclusive Stephane Sarrazin ha portato la sua Peugeot al 3° posto, scalzando per appena due millesimi l’altra R18 di Fassler/Lotterer/Treluyer. Ha quasi dell’incredibile vedere il poker di vertice racchiuso in meno di due decimi su un tracciato come quello della Sarthe. La Peugeot in ogni caso dimostra di poter lottare, e grazie a Franck Montagny ha ottenuto inoltre la miglior velocità di punta con ben 340.5 chilometri orari.

5° posto per la 908 di Wurz/Bourdais/Davidson, mentre la #7 di Minassian/Gene/Lamy è stata scavalcata dalla “vecchia” HDi affidata al Team Oreca, già capace di imporsi alla 12 Ore di Sebring.

Da segnalare che gli squadroni Audi e Peugeot hanno dato pure spazio alle loro riserve, rispettivamente Marco Bonanomi e Jean-Karl Vernay.

La migliore LMP1 con propulsore a benzina è stata invece la Pescarolo, che si è messa alle spalle le due Lola-Toyota del Rebellion Racing. C’è tanto da lavorare al contrario in casa Aston Martin, con le due AMR-One in pista che in totale hanno accumulato oggi appena 12 giri, a causa di persistenti problemi al motore che le hanno tenute bloccate ai box.

In classe LMP2 comandano le macchine motorizzate Nissan, a cominciare dalla Oreca della Signatech (Mailleux/Ordonez/Ayari), di un soffio davanti all’esemplare “factory” di Premat/Hallyday/Kraihamer.

Molto interessante anche la bagarre in GTE-Pro, che ha visto ancora svettare le Ferrari 458 dei team Farnbacher e AF Corse, quest’ultima in mano a Giancarlo Fisichella, Gimmi Bruni e Toni Vilander. Discreto il gap con BMW e Porsche, mentre inizia un po’ in salita l’avventura delle Lotus Evora schierate dal JetAlliance Racing. Dominio del Larbre Competition in GTE-Am, che mette in campo due auto diverse: davanti c’è la Corvette affidata a Tom Milner, seguita dalla Porsche di Philippe Belloc.

Tra le Formula Le Mans, la JMB Racing ha prevalso sul Genoa Racing.

Mancano sette settimane alla gara clou della stagione endurance, in programma a cavallo tra l’11 e 12 giugno. Prima la Intercontinental Le Mans Cup farà tappa a Spa-Francorchamps per la 1000 km del 7 maggio. Una specie di prova generale…


Stop&Go Communcation

Quasi 25 mila spettatori hanno assistito al Test Day svoltosi oggi in preparazione alla 24 Ore di Le Mans, che […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/enduranceendurance-240411-02.jpg ILMC – Le Mans, Test Day (Pomeriggio): Kristensen mantiene Audi al top