Prima giornata ufficiale dopo i test collettivi di mercoledì sul circuito di Spa-Francorchamps per la quinta e penultima prova dell’European Le Mans Series 2018.

Un violento scroscio, fatto sicuramente non inconsueto tra le Ardenne, ha movimentato la prima tornata di prove libere, e ha permesso alle 40 vetture presenti di testare le condizioni da bagnato, che dovrebbero ripresentarsi domenica per la gara.

Man mano che la pista si asciugava si è concretizzato un testa a testa fra le due Oreca di APR-Rebellion e Racing Engineering per il primato, grazie a Gustavo Menezes e Norman Nato. Alla fine è stato quest’ultimo a prevalere col tempo di 2.19.745, precedendo di 1” l’ex-campione WEC LM P2.

A seguire Nicolas Lapierre con l’Oreca del DragonSpeed, la Dallara dell’AVF di Kostantin Tereschenko e la Ligier #32 dello United Autosports di Wayne Boyd.

 

Solo P6 per i leader del G-Drive Racing, che con un risultato utile potrebbero mettere in ghiaccio il titolo con una gara di anticipo, con Andrea Pizzitola. Tra l’altro la commissione endurance dovrebbe avere deliberato ieri l’esito del reclamo contro l’entry battente bandiera russa, gestita in pista dal TDS, per la squalifica di Le Mans, ma non se ne conosce ancora l’esito.

Antonin Borga e la Ligier del Cool Racing, il miglior tempo fra le LM P3 con 2.34.085 davanti a Jakob Smiechowski con la entry dell’Inter-Europol. Entrambe le squadre sono intenzionate a fare il salto nella categoria superiore il prossimo anno.

P6 per i leader dell’RLR MSport con Job van Uitert e, sempre con riferimento alla classifica generale, va segnalata l’assenza dell’indisposto Sean Rayhall nelle fila dello United Autosports, con Scott Andrews sulla Ligier #2 a fianco di John Falb. Proprio lo statunitense è stato protagonista dell’unica red flag della giornata, per un contatto alla Source con la Norma di Romano Ricci.

Il bagnato è notoriamente terreno favorevole per le Porsche, che hanno monopolizzato il podio virtuale tra le GTE con Matteo Cairoli, autore di 2.31.555, Marvin Dienst e Fabio Babini, tutti con tempi inferiori alle LM P3.

Nel pomeriggio si è svolta invece la classica mezz’oretta dedicata ai piloti bronze ranked. A primeggiare su di una pista ormai asciutta Roberto Lacorte, che ha portato la Dallara del Cetilar Villorba Corse (nella foto) fino a 2.06.565, precedendo di oltre 2” Dennis Andersen con l’altra P217 dell’High Class Racing ed Henrik Hedman con l’Oreca del DragonSpeed.

Fra le LM P3, best crono di 2.16.351 per Kay van Berlo e la Ligier dell’EuroInternational in lizza per il titolo di categoria, mentre Gianluca Roda conduce la classifica delle GTE con 2.19.023.

Domani in programma la seconda ed ultima sessione di libere e le qualifiche, rispettivamente alle 9.05 e alle 13.10.

Piero Lonardo

I risultati delle Libere 1

I risultati del Bronze Driver Collective test


Stop&Go Communcation

Roberto Lacorte svetta fra i gentlemen con la Dallara del Cetilar Villorba

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2018/09/Villorba-1024x683.jpg ELMS – Spa, Libere 1 e Bronze Test: Nato porta in alto Racing Engineering sul bagnato