Dopo la pioggia fitta del mattino, ancora un cambiamento climatico per le qualifiche della 4 Ore del Red Bull Ring, che si svolgono infatti sotto un sole deciso, in attesa della pioggia, prevista per larghi tratti durante la gara.

Paul-Loup Chatin è ancora una volta il mattatore di questo terzo appuntamento dell’European Le Mans Series e, dopo aver primeggiato nei due turni di libere, conquista anche la pole position col tempo di 1.19.246.

Non è stata però una qualifica facile per il portacolori dell’IDEC Sport, che a metà sessione ha deciso di rientrare ai box per sostituire le due gomme di sinistra e tentare l’assalto a Nico Jamin, che in quel momento conduceva con l’altra Oreca del Duqueine Engineering.

Ma per l’ex campione ELMS 2014 continuava il weekend di grazia, e poteva transitare sotto la bandiera a scacchi con appena 19 millesimi di vantaggio sull’ex protagonista dell’Indy Lights. Seconda fila per Norman Nato e la vettura del Racing Engineering e per Nicolas Lapierre, beffato un paio di volte dalla direzione gara per track limits sulla macchina del DragonSpeed.

A Filipe Albuquerque, due volte vincitore in terra austriaca, la consolazione di essere il primo non su Oreca, in P7, mentre a Felipe Nasr e al Cetilar Villorba va la palma della migliore Dallara, col decimo tempo. Si tratta della terza pole position stagionale per Chatin dopo la gara di casa del Paul Ricard ma soprattutto di quella di Le Mans.

Torna a sventolare anche la bandiera austriaca grazie a Mikkel Jensen e alla Ligier dell’AT Racing, ma solo per poco, in quanto la direzione gara ha reso noto al termine delle qualifiche di aver cancellato – ancora una volta per track limits – il tempo limite del danese di 1.26.408.

La pole position tra le LM P3 va quindi a Mathieu Lahaye e alla Norma dell’Ultimate con 1.26.519 davanti all’altra Norma dell’YMR di Lucas Légeret. Seconda fila per i mattatori delle fasi iniziali della sessione, le Ligier dell’RLR MSport e del Cool Racing di di Job van Uitert ed Antonin Borga.

Show infine di Miguel Molina e della Ferrari del JMW Motorsport, che ritorna in pole in GTE per la prima volta dal 2013. Lo spagnolo ha preceduto di soli 98 millesimi, grazie al tempo ottenuto nelle fasi finali, Matteo Cairoli e la Porsche Proton. Sia la 911 RSR #88 che la Ferrari verde acido del Krohn Racing di Andrea Bertolini hanno tentato la carta del cambio gomme ma inutilmente.

Vittima dei track limits della categoria Matt Griffin, che non è andato così oltre la quarta posizione nonostante la competitività della 488 GTE, che sigla la prima pole del 2018 per il Cavallino.

La partenza della 4 Ore del Red Bul Ring alle 12 di domani. Nel pomeriggio al via anche la quinta tappa della Michelin Le Mans Cup con in pole position la Norma del CD Sport tra le LM P3 e la Mercedes del Krypton Motorsport tra le GT3.

Piero Lonardo

I risultati delle Qualifiche


Stop&Go Communcation

Molina riporta al palo JMW dopo cinque anni, mentre la direzione corsa priva AT Racing della pole in casa

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2018/07/PL58660-1024x683.jpg ELMS – Red Bull Ring, Qualifiche: Chatin beffa all’ultimo istante Nico Jamin