Ritorna in pista la serie endurance europea con le prime libere della 4 Ore del Red Bull Ring.

Al mattino un sole cocente, piacevole novità dopo il violento temporale che ieri sera ha completamente lavato il tracciato austriaco ha accolto i piloti ranking bronze per la consueta mezz’ora di adattamento.

Fabien Barthez con la Ligier del team in comproprietà con Olvier Panis ha preceduto Roberto Lacorte con la Dallara del Cetilar Villorba ed Henrik Hedman, gentleman del Dragon Speed.

Nel pomeriggio invece tutti in pista per i primi 90’ collettivi tra sole e nubi che sporadicamente coprivano la pista.

Mattatore assoluto Nicolas Lapierre, che ha presto piazzato il best crono con 1.20.588 con l’Oreca del DragonSpeed, cui ha fatto ritorno dopo aver disputato Le Mans con la Toyota LM P1. Secondo tempo a meno di 3 decimi per un altro francese, l’esperto Nicolas Minassian, ritornato per l’occasione dietro il volante dell’altra entry gestita dal team statunitense col marchio G-Drive.

Rilevante che il tempo assoluto sia stato segnato da un altro pilota della squadra di Elton Julian, quel Ben Hanley che ha ben figurato a Le Mans, mentre bisogna attendere oltre 6 decimi per vedere altri due francesi, il poleman di Monza Enzo Guibbert e l’esperto Olivier Pla, rispettivamente sull’Oreca #39 del Graff e sulla Ligier IDEC.

P5 provvisoria per la Dallara tutta italiana del Cetilar Villorba con Andrea Belicchi; dentro il secondo dalla vetta anche la Ligier del Tockwith Motorports reduce da un paio di esperienze non particolarmente significative nel WEC, con Nigel Moore, e la nuova Dallara dell’SMP Racing con Matevos Isaakyan, a riprova che non è affatto scontato che la tortuosa pista della Stiria veda un dominio deli prototipi di Hughes de Chaunac.

Sorpresa in LM P3 per il miglior tempo di Dario Capitanio sulla Norma dell’Oregon Team. Il pilota romano, autore di 1.26.376, ha lasciato a 3 decimi il migliore della pattuglia delle Ligier, Wayne Boyd con la entry #3 dello United Autosport.

Ottimo debutto anche per il terzo esemplare della M30, affidata all’equipaggio del Duqueine Engineering, P6 assoluta con Nicolas Schatz.

In GTE infine, un altro pilota nostrano al top. Matteo Cairoli, reduce dalla prima vittoria di classe nel WEC la scorsa settimana al Nurburgring, autore di 1.29.728 con la Porsche Proton, a precedere sul filo di lana Nicki Thiim con l’Aston Martin del TF Sport leader della classifica e Andrea Bertolini con la Ferrari 488 Spirit of Race. P4 per l’altra 488 GTE del JMW Motorsport, al debutto nella serie europea dopo il successo di Monza della gloriosa 458.

Sabato il programma prosegue con la seconda sessione di libere e le qualifiche, rispettivamente alle 9.25 e alle 13.45.

Piero Lonardo

I risultati del bronze driver test

I risultati delle libere 1


Stop&Go Communcation

Italia al top con Capitanio e Cairoli in LM P3 e GTE

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2017/07/Dragon_toro-1024x682.jpg ELMS – Red Bull Ring, Libere 1: Lapiere e Minassian fanno il vuoto