I prototipi ritornano oggi a Monza a 10 anni dall’ultima 1.000 km con i test collettivi dell’European Le Mans Series, il Prologue.

A partire dalla prima mattinata, sotto un cielo limpido e temperatura fresca, le 41 vetture pervenute sul circuito brianzolo hanno iniziato a saggiare la pista, che sarà protagonista anche del secondo round della serie europea, a maggio, l’ultima gara prima di Le Mans che vedrà coinvolte ancora una volta diverse squadre, sia nella 24 Ore che – relativamente alle LM P3 – nella seconda edizione della Road to Le Mans.

Miglior tempo di queste prime tre ore per l’Oreca 07 LM P2 del DragonSpeed con Ben Hanley, che con il tempo di 1.37.834 ha battuto sul filo di lana la Ligier JS P217 dell’Algarve Pro Racing della giovane promessa Matthew McMurry, impegnato già da inizio anno su entrambe le sponde dell’oceano atlantico, e Ryo Hirakawa sulla seconda entry del DragonSpeed con le insegne del G-Drive.

Occhi puntati ovviamente sulle nuove Dallara LM P2, reduci dalle due vittorie nel WeatherTech USCC con marchio e motore Cadillac, particolarmente l’esemplare del Cetilar Villorba Corse (nella foto) che sarà protagonista della nuova impresa tutta italiana a Le Mans.

I tre esemplari delle P217 si sono piazzati in consecuzione, a partire dalla P8, con la macchina dell’High Class Racing a precedere il veteranissimo Jan Lammers con il prototipo giallo del Racing Team Nederland ed il nostro Roberto Lacorte, primo a saggiare la pista per il team trevigiano.

Alexander Talkanitsa, al debutto tra le LM P3 con la Ligier dell’AT Racing, ha superato invece nel finale per 2 soli millesimi Giorgio Mondini con la entry #11 dell’Eurointernational col crono di 1.45.813. A seguire i due esemplari dei campioni in carica dello United Autosport, nelle mani di Wayne Boyd e Sean Rayhall.

P10 per la prima delle nuove Norma M30, quella dell’Oregon Team, vittima di un’uscita di strada, mentre l’esemplare ancora in carbonio dell’M.Racing-YMR, fresco di assemblaggio, chiude la lista dei tempi.

Aston Martin in evidenza tra le GTE con le due Vantage del TF Sport e del Beechdean AMR a precedere il lotto, con i campioni dell’Intercontinental Le Mans Cup al top con Salih Yoluc ed il tempo di 1.48.720 davanti a Ross Gunn. P3 per Giorgio Roda e la Ferrari 488 GTE di Spirit of Race, mentre il nostro Matteo Cairoli segna il settimo tempo con la Porsche versione 2016.

Il programma della giornata prevede altre due sessioni, alle 14 e alle 19.

Piero Lonardo

I risultati della Morning Session Day 1


Stop&Go Communcation

Occhi puntati sulla Dallara tricolore del Cetilar Villorba

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2017/03/Villorba-1024x682.jpg ELMS – Monza, Prologue, Morning Session Day 1: Inizia bene il DragonSpeed