Nicolas Lapierre e l’Oreca del DragonSpeed si confermano il binomio da battere anche bella seconda tornata di libere al Le Castellet.

La riserva Toyota ha ritoccato di ben 7 decimi il limite stabilito ieri fissando i cronometri poco dopo mezz’ora dall’inizio della sessione sull’1.53.546. Unico altro pilota a scendere sotto l’1’54”, Matevos Isaakyan, la giovane promessa dell’SMP Racing, a 3 decimi.

Terzo tempo per il protagonista del Red Bull Ring, Filipe Albuquerque, che chiude un podio virtuale che rappresenta tutti e tre i costruttori della LM P2.

Wayne Boyd svetta dal canto suo tra le LM P3 con la Ligier #3 dello United Autosport. Va detto che il campione 2015 della categoria non si avvicina nemmeno al miglior tempo di ieri e con 2.05.155 rimane a circa 2” dal miglior tempo di Alex Kapadia. Obiettivo di tutti d’altra parte risparmiare pneumatici in vista di qualifiche e gara, con l’altra Ligier del team angloamericano e la entry dell’Ultimate che non hanno nemmeno calcato la pista.

Ancora un nostro portacolori infine sul tetto delle GTE. Si tratta di Matteo Cairoli che con la Porsche Proton lima la miglior prestazione di ieri con 2.05.753, lasciando a 3 decimi Matt Griffin con la Ferrari AF Corse #55 e a 6 la migliore delle Aston Martin con l’esperto Darren Turner.

L’altra Vantage schierata dal TF Sport è incappata in un’uscita di strada che ha comportato la sostituzione dello splitter anteriore. Red flag invece per la Norma LM P3 #8, contro le barriere a protezione della curva 2 ad inizio sessione. Piccola disavventura anche per la Ligier LM P2 dell’IDEC, ferma poco prima dell’entrata box con Paul Lafarge verso la fine dei 90′.

Tutto pronto per le qualifiche, come sempre distinte per categoria, a partire dalle 13.45.

Piero Lonardo

I risultati delle Libere 2


Stop&Go Communcation

Cairoli ritocca il limite delle GTE

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2017/08/Dragon1-1024x682.jpg ELMS – Le Castellet, Libere 2: Lapierre senza rivalI ?