Prima vittoria della stagione per la Morgan-Judd e per Newblood by Morand nella 4 Ore del Paul Ricard, quarta e penultima prova dell’European Le Mans Series 2014.

Il team svizzero ha approfittato di un doppio stint di gomme con Pierre Ragues nel primo turno di guida per conquistare la leadership e non mollarla più fino al traguardo, Gary Hirsch e Christian Klien hanno poi completato l’opera.

Morand

L’Oreca del Murphy Prototypes era partita bene dalla pole con il “deb” Pipo Derani, ma aveva a sua volta perso il comando sulla Zytek dello Jota Sport di Harry Tincknell. L’Alpine Signatech dal canto suo ha iniziato una consistente rimonta dalla quinta piazzola, rimontando a sua volta sugli altri contender fino alla seconda piazza finale. Peccato per una penalità piuttosto veniale assegnata mezz’ora dal termine all’Oreca del team irlandese per un’infrazione ai box durante il pit di Rudy “Speedy” Gonzalez, che non ha permesso una lotta finale con la barchetta francese, cristallizzando quindi anche le due posizioni basse del podio a favore di Nelson Panciatici, Paul-Loup Chatin e Oliver Webb, secondi davanti all’Oreca del Murphy Prototypes.

La top five si completa con la Zytek di Jota Sport, che approfitta della panne di carburante nel finale accusata dalla vettura gemella del Greaves Motorsport, e così mantiene il distacco in campionato dalla Alpine in termini accettabili (58 contro 50).

Ancora una brutta giornata per la Ligier JS P2 Nissan del Thiriet by TDS, rallentata ancora da una foratura e poi definitivamente dalla rottura della scatola del cambio, quando stava occupando la quinta piazza. Fuori al primo giro invece la Greaves-Caterham con il giovanissimo Matthew McMurry.

AF#55

Pokerissimo di Ferrari a podio in GTE, con la F458 #55 di AF Corse di Matt Griffin, Michele Rugolo e Duncan Cameron, alla terza vittoria in quattro gare, ormai a portata di titolo grazie anche al settimo posto della entry dell’SMP Racing di Andrea Bertolini, Viktor Shaitar e Sergey Zlobin.

Gara difficile per l’equipaggio del team russo, che già allo start lasciava il passo a Ben Barker e alla Porsche 911 RSR del Gulf Racing UK, che si involava nella prima parte di gara per poi cedere di schianto una volta ceduto il volante al gentleman. Seguivano poi anche un paio di penalità che toglievano definitivamente l’F458 in pole dalla lotta al vertice, nonostante il consueto impegno del nostro Bertolini.

Ne approfittava l’equipaggio di AF Corse, che poteva mantenere la leadership fino alla fine. Seconda la entry di AT Racing con Mirko Venturi, Alexander Talkanitsa e Pierre Kaffer e terza la gialla F458 del JMW Motorsports di Daniel McKenzie, George Richardson e James Walker. Completano la top five del cavallino la seconda vettura di AF Corse, la #54, e la entry del Kessel Racing.

SMP#73

Vittoria Ferrari anche in GTC e primo successo per l’equipaggio della F458 #73 dell’SMP Racing di Olivier Beretta, David Markozov e Anton Ladygin. Il successo è stato propiziato dai guai a catena della vettura gemella #71, da cui ha ereditato la leadership per non mollarla più, consolidando così anche la leadership in campionato.

Limitano i danni i danesi del Formula Racing, Jan Magnussen, Mikkel Mac e Johnny Laursen, secondi, cui resta ormai soltanto la matematica per ambire al titolo di categoria, mentre il gradino più basso del podio è occupato dalla McLaren MP4 12C GT3 di Kevin Korjus, Grégoire Demoustier e Yann Goudy.

Prossimo appuntamento, il season finale di Estoril, il 18-19 ottobre.

Piero Lonardo

L’ordine di arrivo


Stop&Go Communcation

Ferrari ancora padrona in GT con AF Corse ed SMP Racing

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2014/09/Start-1024x575.jpg ELMS – Le Castellet, Gara: La prima di Newblood by Morand