Tutto è pronto per la sesta ed ultima gara dell’European Le Mans Series 2016 su circuito di Estoril. Per quest’ultimo appuntamento sul circuito lusitano, che dal prossimo anno si svolgerà invece sul tracciato di Portimao, sono ben 37 le vetture iscritte.

Matematicamente in gioco ancora due dei tre titoli in palio e che ricordiamo garantiscono un invito automatico alla prossima 24 Ore di Le Mans. Già assegnato a Spa il titolo della LM P3, appannaggio dello United Autosport e, per i piloti, dal trio anglo-americano composto da Alex Brundle, Michael Guasch e Christian England, fin qui sempre a podio. Matematicamente perché sia tra le LM P2 che nelle GTE, ci sono due equipaggi nettamente in vantaggio sugli inseguitori.

Il Thiriet by TDS in LM P2 vanta 14 punti sul G-Drive, e un quarto posto garantirebbe già da solo il secondo successo del team transalpino dopo quello in tono leggermente minore conquistato a Road Atlanta nel 2012. Ricordiamo che il team gestito da Simon Dolan lo scorso anno segnò la pole position sul tracciato portoghese, ma la vittoria finale andò proprio a Thiriet e soci.

Saranno comunque 10 in totale le LM P2 presenti, con la già nota defezione della Ligier dell’Algarve Pro Racing, in viaggio verso Zhuhai per il primo round dell’Asian Le Mans Series che si correrà la settimana ventura, e dell’Oreca-Nissan del Murphy Prototypes. Eurasia Motorsport invece presenterà una nuova line-up sulla sua Oreca-Nissan, con Frederic Vervisch e Michael Lyons al fianco di Tristan Gommendy.

Ricordiamo che nella prossima stagione verranno ancora ammesse le “vecchie” LM P2, che verranno classificate in una sub-categoria a se’ stante, date la notevoli differenze in termini soprattutto di potenza.

Ben 19 le LM P3 iscritte. Ancora assente la Ave-Riley – avvistata nel paddock di Austin – in attesa della promettente Norma si tratterà ancora una volta di un monomarca Ligier. Da segnalare il rientro delle due entry dell’Eurointernational, assenti a sorpresa a Spa, che fa da contraltare all’assenza di una protagonista delle ultime due gare, la vettura del Tockwith Motorsports.

Un altro team inglese invece, RLR Msport, ha annunciato in questi giorni di volere passare alla categoria maggiore nel 2017, e a tale scopo ha ordinato una nuova Ligier JS P217, che si affiancherà a ben due Ligier gestite con la struttura di Mike Smith.

Sempre 8 infine le GTE. Tutti alla caccia di Andera Bertolini e della Ferrari 458 del JMW, capolista in classifica con ben 20 punti di vantaggio sull’Aston Martin ufficiale di Alex MacDowall, Andy Howard e Darren Turner.

Lo scorso anno la Vantage V8 si classificò al secondo posto dietro la BMW Z4 del MarcVDS, mentre la pole position fu appannaggio del Proton Competition nelle mani di Richard Lietz. Quest’anno proprio in casa tedesca l’unica variazione alla line-up rispetto a Spa-Francorchamps, con Ben Barker che fa il suo debutto sulla #88 a fianco di Gianluca Roda e Christian Ried.

Inizio delle ostilità in pista per la 4 Ore dell’Estoril a partire da venerdì 21 ottobre alle 9.30 con il test per i piloti classificati bronze; a seguire alle 14.50 le prime libere.

Piero Lonardo


Stop&Go Communcation

Anche RLR Msport in LM P2 il prossimo anno con una Ligier

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2016/10/Portogallo.jpg ELMS – In 37 all’Estoril per giocarsi due titoli