Emozionante come non mai il season finale dell’European Le Mans Series. La 4 Ore dell’Estoril non ha lesinato infatti colpi di scena, favoriti anche dal bizzoso meteo portoghese, che ha portato un paio di violenti acquazzoni che hanno contribuito a determinare il risultato finale.

A passare il traguardo per prima l’Oreca 05-Nissan del Thiriet by TDS di Ludovic Badey, Pierre Thiriet e Nicolas Lapierre, ma il titolo 2015 va al Greaves Motorsport e ai suoi piloti Jon Lancaster, Bjorn Wirdheim e Gay Hirsch, quest’oggi secondi. Grande sconfitto l’equipaggio di Jota Sport, con Filipe Albuquerque, Simon Dolan e Harry Tincknell, quarti ad un giro, alle spalle della BR01-Nissan di AF Racing, Mikhail Aleshin, Viktor Shaytar e David Markozov.

Start

Allo start partiva bene dalla pole Albuquerque, che presto seminava gli inseguitori, capeggiati da Ludo Badey con l’Oreca del TDS. Il portoghese cedeva il volante con oltre 30” di vantaggio a Simon Dolan, che però faticava a ripartire ma riprendeva presto il comando su Viktor Shaytar che giocava la carta del doppio stint per le Dunlop.

Ad un’ora e 20’ di gara il colpo di scena, con un primo violento scroscio che vedeva Dolan uscire alla curva 2 e rimanere a lungo nella sabbia prima dell’intervento dei mezzi di soccorso. La Full Course Yellow limitava il distacco, ma il danno era fatto, sotto forma della Gibson di Gary Hirsch che conduceva durante la neutralizzazione.

La BR01 #21 tornava sotto la barchetta inglese così come Pierre Thiriet e l’Oreca del TDS. La successiva sosta vedeva però Harry Tincknell ancora una volta di fronte ad un problema di accensione, e a nulla serviva lo stop&go (per una leggerezza di Hirsch, che si slacciava le cinture un attimo prima di fermasi per il pit) che allontanava definitivamente il Greaves Motorsport dalla vittoria di tappa, né tantomeno la sosta extra della BR01 #21 (fatale l’ulteriore tentativo di doppio stint con le gomme) che portava anche la creatura dell’Ing.Catone fuori dalla lotta per la gara.

greaves2

Nicolas Lapierre poteva così involarsi verso la seconda vittoria stagionale con l’Oreca 05 dopo Le Mans (ma con il Team KCMG); seconda vittoria anche per il Thiriet by TDS dopo Imola, ma il titolo va per 2 soli punti (93 contro 91) al Greaves Motorsport. Jota Sport conclude al terzo posto con 89.

Gara sfortunata anche in casa Pegasus Racing, il cui motore della Morgan destinata al prossimo riund WEC di Shanghai è andato ko dopo solo 9 giri, e per il Murphy Prototypes, bloccato nel finale da un problema di pressione dell’olio.

P3_2

Tra le LM P3, Michael Simpson e Gaetan Paletou riportano la prima vittoria per la seconda entry del Team LNT, partita ricordiamo dall’ultima piazzola in griglia, team che piazza anche i neocampioni Chris Hoy e Charlie Robertson sul gradino basso del podio. Secondo posto finale per il team Graff e Eric Trouillet, Thomas Accary e Garry Findlay con la debuttante Ligier JS P3 nonostante un testacoda addirittura nel giro di formazione. Sfortunata la gara dei nostri portacolori di Villorba Corse, non classificati dopo una lunghissima sosta ai box.

MarcVDS

Una lunghissima rincorsa ha premiato tra le GTE anche la BMW del Team MarcVDS, all’ultima apparizione fra le quattro ruote. Henry Hassid, Jesse Krohn e Andy Priaulx, partiti dall’ultima fila della griglia dopo una qualifica non ottimale, si sono presto fatti largo nel parco partenti.

Presto out la Porsche del Proton Competition in pole, dopo un contatto di Christian Ried con l’Aston Martin GT3 del Massive Motorsport che necessitava di una lunga sosta ai box, la testa della gara sembrava appannaggio della Ferrari del JMW, che con Rory Butcher prima, poi con Robert Smith, manteneva agevolmente il comando della categoria.

Purtroppo una panne al cambio lasciava senza trazione la stella del WEC James Calado podo dopo la metà gara sulla salita della curva 9. La leadership andava così alla BMW giallo-argento, che non cedeva il comando sino al termine. Completano il podio l’Aston Martin dei campioni del British GT Johnny Adam ed Andrew Howard, coadiuvati da Alex MacDowall, e la Porsche del Gulf Racing UK con Adam Carroll, Michael Wainwright e Phil Keen.

Il quinto posto finale di categoria rimediato dopo una penalizzazione per speeding in pitlane assicura comunque la vittoria finale all’equipaggio del Formula Racing di Johnny Laursen e Mikkel Mac ed Andrea Rizzoli proprio davanti al team belga, 83 punti contro 79.

F63

In GTC infine, successo di tappa per Marco Cioci, Giorgio Roda e Igor Melnikov sulla Ferrari F458 GT3 #63 ma titolo al TDS Racing di Franck Perera, Dino Lunardi ed Eric Dermont, terminati al secondo posto dopo aver condotto a lungo la gara, complice una sosta in più ed uno stop&go per aver migliorato in regime di bandiere gialle.

Niente da fare quindi per Francesco Castellacci, Stuart Hall e Thomas Flohr, quarti alle spalle dell’altra Ferrari dei piloti di casa Filipe Barreiros e Francisco Guedes, che insieme a Mads Rasmussen hanno portato in pista per l’occasione una livrea frutto di un concorso tra gli studenti della zona.

E’ tutto per l’European Le Mans Series 2015. L’appuntamento con la serie endurance europea è per il 29/30 marzo con il prologo.

Piero Lonardo

L’ordine di arrivo della 4 ore dell’Estoril


Stop&Go Communcation

Ultima vittoria per MarcVDS, ma il titolo GTE va a Formula Racing

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2015/10/TDS_finish.jpg ELMS – Estoril, Gara: Vittoria al TDS, titolo a Greaves!