L’HPD ARX-03a Muscle Milk di Lucas Luhr e Klaus Graf si aggiudica la quarta gara dell’American Le Mans Series a Lime Rock coronando un’incredibile rimonta dal fondo dello schieramento dove era terminata a causa di problemi elettrici nella prima fase di gara “conditi” da uno stop&go per velocità eccessiva in pitlane. Quattro giri di ritardo dal leader, l’altra HPD schierata in categoria P2 del Level 5 di Cristophe Bouchut e Scott Tucker, non sono bastati per privare l’equipaggio del Pickett Racing della terza vittoria consecutiva nella serie e Klaus Graf a 26 minuti dalla fine coronava un’impresa impossibile per la barchetta che per l’occasione sfoggiava le stars and stripes, aiutata anche da una caution a 8 minuti dalla fine per uno spettacolare crash tra la Ferrari dell’Extreme Speed e la l’Oreca LM PC del PR1/Mathiasen di Butch Leitzinger.

Niente da fare per la Lola-Dyson di Chris Dyson e Guy Smith che, dopo le schermaglie dei primi giri proprio con la barchetta giapponese, a poco meno di un’ora di gara ha dovuto cedere la prima piazza assoluta a Scott Tucker, autore egli stesso di una rimonta dal fondo dello schieramento per non avere rispettato i turni minimi di guida durante le qualifiche. Strana scelta questa del Level 5, che per questo motivo ha dovuto anche lasciare ai box la propria seconda entry iscritta per Luis Diaz e ancora Scott Tucker, in attesa dell’erede di Franck Montagny, appiedato come noto a margine del crash di Laguna Seca.

Nel finale comunque grazie anche al gioco dei pit, Guy Smith riusciva a riportarsi in seconda posizione assoluta, relegando Scott Tucker sul gradino più basso del podio, ma comunque in grado di rintuzzare gli attacchi della Morgan-Nissan del Conquest Racing di Martin Plowman e David Heinemeier Hansson, penalizzata da un lento cambio pilota e da una penalità per velocità eccessiva ai box che l’avevano lasciata due giri indietro, mantenendosi quindi a punteggio pieno anche in classifica generale. Terzo posto in categoria P2 e settimo assoluto per la stella di Grey’s Anatomy Patrick Dempsey che correva in coppia con Joe Foster.

In LM PC, doppietta del CORE Autosport che continua la striscia positiva con Colin Braun e Jon Bennett, che a meno di un’ora dalla fine aveva la meglio dell’altra entry del team affidata a Tom Kimber-Smith ed Alex Popow. A seguito dell’incidente di Leitzinger già descritto nel finale, altro gradino basso del podio per il Dempsey Racing con l’entry affidata a Duncan Ende ed Henri Richard.

Grande vittoria anche in GT per la Porsche 911 GT3 RSR del Flying Lizard Motorsports con Joerg Bergmeister, che festeggia al meglio il centesimo start in ALMS, alla sesta vittoria su sette partecipazioni a Lime Rock, in coppia con Patrick Long. Niente da fare per le due Corvette, in testa nelle prime fasi di gara dopo i problemi di perdita di benzina allo start del poleman Bille Auberlen, che terminerà solamente al sesto posto di classe, dietro anche alla Ferrari F458 di Sharp e Van Overbeek ed ai compagni di squadra Dirk Muller e Joey Hand, che continua a fare la spola fra DTM e ALMS, autori di una gara da due fuori pista ed una foratura.

Infine in GTC vittoria per l’Alex Job Racing di Leh Keen e Cooper MacNeil, che hanno avuto la meglio della entry del Green Hornet di Damien Faulkner e Peter LeSaffre

Prossima gara sullo storico circuito di Mosport, in Canada, fra due settimane.

L’ordine di arrivo

Piero Lonardo


Stop&Go Communcation

L’HPD ARX-03a Muscle Milk di Lucas Luhr e Klaus Graf si aggiudica la quarta gara dell’American Le Mans Series a […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/07/LRI_3215.jpg ALMS – Lime Rock, Gara: Impresa epica della Muscle Milk