Trentacinque le vetture totali iscritte alla cinquantottesima 12 Ore di Sebring, che aprirà i battenti il 17 marzo. In LMP1 la lotta per la vittoria sarà ristretta alle Peugeot 908 HDi-FAP #07 e #08, che verranno condotte rispettivamente da Genè-Wurz-Davidson e Lamy-Bourdais-Minassian. A svolgere il ruolo di terzo incomodo ci potrebbe pensare l’Aston Martin LMP1 di Buncombe-Primat-Fernandez, oppure la Lola B09/60 del Drayson Racing, che vede il sempreverde Emanuele Pirro affiancare Jonny Cocker e Paul Drayson.  

Risponde presente all’appello Creation Autosportif, con la Creation CA10 – Judd, che sarà contraddistinta dal #10. Presenze fisse le Lola B06/10 – AER gestite da Intersport Racing ed Autocon Motorsports.   

La classe LMP2 sarà rappresentata da solo tre vetture, che cercheranno di animare quanto possibile lo schieramento più piccolo fra i prototipi. La contesa sarà ristretta all’HPD ARX-01c dell’Highcroft, alla Lola-Mazda portata in pista dal Dyson Racing ed infine al Team Cytosport, che disporrà di Sascha Maassen al volante della Porsche RS Spyder, oltre ai meno performanti Greg Pickett e Klaus Graf.  

In GT2 il parterre assomiglia a qualcosa di paragonabile solo ad una Guerra Mondiale. Ferrari, Porsche, Corvette e BMW: sono queste le case automobilistiche in grado di espugnare la 12 Ore di Sebring nella loro classe, animando lo schieramento più competitivo e scoppiettante dell’American Le Mans Series. La casa italiana punterà tutto su Risi Competizione, con l’equipaggio Melo-Bruni-Kaffer, ed Extreme Speed Motorsports, che, al debutto, ha fatto decisamente il suo durante i Winter Test.  

La cavallina di Stoccarda si affiderà all’esperto e preparatissimo Flying Lizard Motorsports, che tenterà di sopravanzare la concorrenza insieme alle Porsche 997 GT3 RSR #44 e #45. Meno competitivi sulla carta Team Falken Tire e Black Swan Racing, che comunque si può avvalorare del talento di Jeroen Bleekemolen. BMW contrattacca, affidando, come lo scorso anno, due BMW M3 E92 al Rahal Letterman Racing. Gli equipaggi confermati fanno girare la testa: D.Muller-Hand-Priaulx sulla #90 e Auberlen-Milner-D.Werner al volante della #92. Sarà interessante osservare le prestazioni, in un circuito difficile come Sebring, di Andy Priaulx, impegnato anche nel WTCC con RBM.  

Corvette conclude le formazioni candidate al successo, schierando due ZR1, la #3 per Magnussen-O’Connell-Garcia e la #4 destinata a Beretta-Gavin-Collard. Chevy è chiamata alla prova del nove, le ottime prestazione del 2009 hanno bisogno di una conferma!  

Chiamate ad un risultato convincente la Jaguar XKRS del Rocketsport Racing e la Doran Ford GT nelle mani del Robertson Racing, dalle quali ci potremmo aspettare alcune sorprese. Dopotutto la Ford GT, l’anno passato, cominciò la 12 Ore di Sebring nel migliore dei modi, dando fastidio all’elite della GT2.  

Cinque Oreca FLM09 correranno la 12H Sebring nel raggruppamento LMPC: per il successo candidato di diritto il Level 5 Motorsport, che prevede nelle sua fila Scott Tucker e Christophe Bouchut; ma anche l’esemplare affidato al Genoa Racing, con il solo Andy Wallace tuttora confermato, potrà dire la sua.  

Infine saranno sei le Porsche 997 GT3 Cup iscritte alla classe GTC, riservata alle sole vetture tedesche. Essendoci vetture Gran Turismo tutte identiche, definire un pronostico è davvero impossibile, dipenderà solamente dalla bravura del team nel preparare la vettura e dalla competitività degli equipaggi.

Cliccare qui per visualizzare l'entry list per la 12 Ore di Sebring

Gabriele Sbrana – Alessio Francisci

 


Stop&Go Communcation

Trentacinque le vetture totali iscritte alla cinquantottesima 12 Ore di Sebring, che aprirà i battenti il 17 marzo. In LMP1 […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/endurance022423204000.jpg ALMS – Divulgata l’entry-list della 12 Ore di Sebring, Peugeot candidata alla vittoria. Furore in GT2!