Il campione 2014 strappa la pole al collega Maxime Martin, mentre il belga finisce contro le barriere. Bene Mercedes con Robert Wickens quarto, molto male Audi che litiga con l’assetto e rimane nelle retrovie.

Le qualifiche odierne in DTM hanno mostrato ancora una volta come i tempi delle prove libere siano differenti, e non sempre indicano l’andamento della giornata. È il caso di Mercedes, ben più competitiva di quanto sia apparsa in prima mattina. È anche il caso di Audi, la quale invece ha pagato – apparentemente – difficoltà nel trovare il giusto set-up, oltre al traffico sfavorevole.

Le prime battute, dunque, hanno visto BMW e Mercedes alternarsi al vertice. Ben presto Maxime Martin ha ottenuto il comando, che è durato diversi minuti mentre molte auto si fermavano ai box per la consueta sosta. A poco più di otto minuti dalla fine, tuttavia, il belga è finito contro le barriere alla curva 7, nel tentativo di migliorare il suo tempo.

La sua M4 si è scomposta in frenata, per fortuna senza alcuna conseguenza per il pilota. Il recupero dell’auto ha richiesto la bandiera rossa, con il cronometro fermo e la sessione interrotta per circa dieci minuti.

Tornato il via libera, i piloti Audi hanno cercato un miglioramento tardivo, senza ottenere risultati nel traffico generale. Marco Wittmann è invece riuscito nell’obiettivo con un tempo di 1m28.776s, centrando la sua seconda pole del 2016 e buone probabilità nel riguadagnare la testa della classifica. Anche Tom Blomqvist ha superato il tempo del compagno di scuderia Martin, assicurando una prima fila tutta BMW.

L’auto del pilota belga, in realtà, dovrà essere riparata dal team RBM prima della gara. Questo comporta una violazione del regolamento sul parc fermé, dunque Martin, qui vincitore nel 2014, dovrà partire dal fondo del gruppo. La terza posizione va dunque a Robert Wickens, affiancato da Bruno Spengler.

Daniel Juncadella, quinto, è autore della sua miglior qualifica dell’anno, con un tempo quasi indentico al canadese. Timo Glock si guadagna il settimo posto in griglia, mentre Maximilian Götz, Lucas Auer ed António Félix da Costa completano la top ten.

Il più veloce rappresentante di Audi è solo dodicesimo, nella fattispecie Nico Müller. Mattias Ekström ha tentato l’impossibile cambiando le gomme a due minuti dalla fine, ma non è andato oltre la quattordicesima piazza. Si mette male anche per i due inseguitori in campionato Edoardo Mortara e Jamie Green, rispettivamente diciassettesimo e diciannovesimo.

Calcolati i migliori giri teorici, BMW vede aumentare la sua zavorra di 5kg, fino a un totale di 1115kg. Audi e Mercedes perdono la stessa quantità: le prime si avvicinano al costruttore bavarese con 1117.5kg, mentre le C63 rimangono le più pesanti del lotto a 1127.5kg.

La gara 2, la cui durata come di consueto sarà 60 minuti più un giro, avrà inizio alle 12:13. Probabile l’arrivo della pioggia durante l’evento, che includerà un pit stop obbligatorio.

Giuseppe Poliseno

I risultati delle Qualifiche 2


Stop&Go Communcation

Il campione 2014 strappa la pole al collega Maxime Martin, mentre il belga finisce contro le barriere. Bene Mercedes con […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2016/08/wittmann-moscow2-21082016.jpg Mosca, Qualifiche 2: Marco Wittmann si conferma in pole

DTM