Numerosi incidenti hanno ridotto il tempo della già corta gara: Pascal Wehrlein rompe la strenua difesa di Marco Wittmann per tornare in testa al campionato. Jamie Green fuori forma cede il terzo posto a Bruno Spengler, Mattias Ekström contro le barriere.

La pioggia non si è presentata, spazzata via da un discreto vento, eppure non sono mancati gli imprevisti al Moscow Raceway. Il primo proprio durante il giro iniziale: per un contatto Miguel Molina è finito in testacoda alla curva 1, quando l’intero gruppo era ancora compatto e l’azione frenetica. Christian Vietoris non è riuscito ad evitarlo in tempo, con entrambe le auto costrette immediatamente al ritiro.

Mentre il pilota Mercedes ha svolto un breve controllo medico, la safety car è entrata in pista per la prima volta. La corsa è ripresa dopo sei tornate, per poi essere interrotta nuovamente poco dopo: mentre Mattias Ekström cercava di superare Timo Glock per ottenere il quinto posto, i due si sono scontrati e sono finiti contro le barriere.

L’evento finisce per entrambi, con il pilota Audi che non ha potuto difendere la sua leadership nella corsa al titolo 2015, e safety car di nuovo in azione.

Ritornato il via libera, la già corta gara 1 era ormai ridotta a poco più di una sprint race. Marco Wittmann, rimasto in testa, si è difeso strenuamente contro i pressanti attacchi di Pascal Wehrlein. Il campione in carica ha ceduto il passo a tre minuti dalla fine, con il giovane pilota Mercedes che ha raggiunto la terza vittoria della carriera.

L’uscita di scena di Ekström ha fatto sì che Wehrlein riagganciasse anche la vetta della classifica, con un vantaggio di otto lunghezze sullo svedese.

Jamie Green, rimasto terzo, non è riuscito ad avvicinarsi abbastanza a Wittmann per tentare una mossa sulla seconda posizione. Anzi, all’ultima tornata ha dovuto cedere il gradino più basso del podio a Bruno Spengler. Nel passaggio ha provato a farsi strada anche Daniel Juncadella, bloccato per un soffio dal britannico.

Edoardo Mortara ha terminato la gara sesto, un notevole miglioramento rispetto alla dodicesima piazza in partenza. L’ingresso in zona punti gli ha permesso di mantenere il terzo posto in campionato, davanti a Green.

Gary Paffett è stato protagonista di una rimonta ancora maggiore, arrivato in settima piazza a partire dalla ventesima. Alle sue spalle troviamo Tom Blomqvist: con questo ottavo posto la new entry BMW ha raggiunto per la seconda volta la zona punti.

Chiudono la top ten le Audi di Nico Müller e Mike Rockenfeller. Fra i ritirati va aggiunto Adrien Tambay, la cui auto è rimasta danneggiata nella calca per evitare la vettura di Molina.

I due incidenti che hanno portato alle bandiere gialle, più uno contatto fra Rockenfeller e Di Resta alla prima ripartenza, sono attualmente sotto investigazione dai commissari di gara.

Infine, Antonio Giovinazzi ha concluso il suo debutto in DTM diciannovesimo, ultimo eccezion fatta per i ritirati. Nonostante ciò, il suo passo potrebbe essere promettente, non molto distante dagli altri piloti.

Moscow Raceway, gara 1:
1 Pascal Wehrlein – Mercedes-AMG C63 DTM – 24 giri
2 Marco Wittmann – BMW M4 DTM – +1.853s
3 Bruno Spengler – BMW M4 DTM – +2.536s
4 Jamie Green – Audi RS5 DTM – +2.967s
5 Daniel Juncadella – Mercedes-AMG C63 DTM – +3.249s
6 Edoardo Mortara – Audi RS5 DTM – +4.332s
7 Gary Paffett – Mercedes-AMG C63 DTM – +8.867s
8 Tom Blomqvist – BMW M4 DTM – +10.039s
9 Nico Müller – Audi RS5 DTM – +10.350s
10 Mike Rockenfeller – Audi RS5 DTM – +11.001s
11 António Félix da Costa – BMW M4 DTM – +11.409s
12 Robert Wickens – Mercedes-AMG C63 DTM – +11.813s
13 Lucas Auer – Mercedes-AMG C63 DTM – +12.234s
14 Paul Di Resta – Mercedes-AMG C63 DTM – +12.600s
15 Augusto Farfus – BMW M4 DTM – +15.248s
16 Maximilian Götz – Mercedes-AMG C63 DTM – +15.534s
17 Martin Tomczyk – BMW M4 DTM – +15.649s
18 Maxime Martin – BMW M4 DTM – +16.350s
19 Antonio Giovinazzi – Audi RS5 DTM – +17.132s

Ritiri:
Adrien Tambay – Audi RS5 DTM – +8 giri
Timo Glock – BMW M4 DTM – +14 giri
Mattias Ekström – Audi RS5 DTM – +14 giri
Miguel Molina – Audi RS5 DTM – +24 giri
Christian Vietoris – Mercedes-AMG C63 DTM – +24 giri

Giuseppe Poliseno


Stop&Go Communcation

Numerosi incidenti hanno ridotto il tempo della già corta gara: Pascal Wehrlein rompe la strenua difesa di Marco Wittmann per […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2015/08/wehrlein-moscow-29082015.jpg Mosca, Gara 1: Pascal Wehrlein da applausi

DTM