Il 39enne svedese ha deciso di porre fine alla sua lunga carriera in DTM, costellata da due titoli iridati nel 2004 e 2007. Ekström si dedicherà interamente al progetto WRX, mentre Robin Frijns colmerà il vuoto lasciato nella line-up DTM di Audi.

Numerosi e insistenti rumor sul futuro di Mattias Ekström sono arrivati al termine dell’ultima stagione DTM, nella quale ha perso per un soffio il terzo titolo iridato a favore di René Rast. Anche in WRX lo svedese è stato il principale runner-up, dopo aver passato il titolo iridato a Johan Kristoffersson.

I dubbi sono stati alimentati la scorsa settimana, quando Ekström ha annunciato la conferenza stampa odierna, tenutasi al Red Bull Hangar 7 dell’Aeroporto di Salisburgo.

“Trovare il momento giusto per fermarsi è sempre difficile”, ha esordito il due volte campione DTM. “Non ho intenzione di fermarmi ora, ma vorrei spendere più tempo con i miei figli e la mia famiglia. Per questo, all’inizio dello scorso anno ho deciso che nel 2018 prenderò parte ad un solo programma.”

“Ad Hockenheim ero in corsa per il titolo [DTM], e le cose non sono andate esattamente come desideravo. Il primo pensiero è stato quello di tornare, di proseguire con il DTM. Ma col passare delle settimane e dei mesi ho realizzato di non avere altri 20 anni a disposizione nella mia carriera da pilota, dunque dovevo chiedermi cosa volessi fare realmente.”

“Parlando con la mia famiglia e con i miei amici, ed anche con Dieter Gass, ho infine deciso di salutare il DTM e di concentrarmi sul Rallycross. È stata probabilmente la decisione più difficile della mia carriera, poiché il mio cuore è stato con il DTM per così tanti anni, dove credo di aver raggiunto quasi tutti i miei obiettivi.”

“Credo che i fans possano comprendere la mia decisione come padre e, da domani, mi concenterò sul programma Rallycross, in cui Audi e Red Bull continueranno a supportarmi.”

Mattias Ekström è approdato in DTM con Audi nel 2001, all’età di 22 anni, grazie al programma Junior di Abt Sportsline – scuderia in cui rimarrà sino ad oggi. Al tempo egli era impegnato anche in WRC: la decisione di concentrarsi esclusivamente sulla serie turismo arrivò nel 2006.

Due anni prima Ekström divenne per la prima volta campione in DTM, avendo la meglio su Gary Paffett. Nel 2005 non riuscì a ripetersi per un soffio: per il suo secondo titolo iridato dobbiamo guardare al 2007. Il focus su un solo campionato portò i suoi frutti, con il pilota Abt presenza regolare nelle prime posizioni di classifica.

In totale, Mattias Ekström è il pilota di maggior successo in DTM per Audi: in 193 gare, egli ha collezionato 23 vittorie – l’ultima al Red Bull Ring durante la scorsa stagione – e 20 pole position.

Con la nascita del WRX nel 2014, lo svedese vi ha subito preso parte, coinvolgendo Audi tramite il suo team EKS. Spesso Ekström ha dovuto scegliere fra i due campionati, in base alla sua posizione nelle classifiche di entrambi. Memorabile è il finale ad Hockenheim del 2016, evento in cui Ekström ha gareggiato in entrambe le categorie, ottenendo la vittoria e il titolo iridato nel 2016.

Durante la conferenza stampa era presente anche il direttore di Audi Sport, Dieter Gass: “Mattias è estremamente importante per entrambi i progetti, per questo la decisione non è stata facile per ciascuno di noi.”

Gass ha colto l’occasione per annunciare la new entry che andrà a colmare il vuoto nella line-up Audi: si tratta del belga Robin Frijns, presente ai test invernali a Jerez nel 2013 con il brand di Ingolstadt.

Impegnato da diversi anni nel programma GT di Audi, il pilota 26enne è campione in carica della Blancpain GT Sprint Cup con una R8 del team WRT. Nel suo curriculum anche due stagioni in Formula E, in forze al team Andretti.

“Robin ha vinto praticamente in ogni categoria monoposto in cui ha preso parte: tre anni di fila in Formula BMW, Formula Renault 2.0 e Formula Renault 3.5”, ha proseguito Dieter Gass.

“Le aspettative sono alte: è arrivato nel nostro programma clienti nel 2015 ed ha ottenuto vittorie anche lì. Lo scorso anno abbiamo visto i risultati aggiungendo René Rast al programma come rookie, sono curioso di vedere cosa accadrà con Robin.”

I restanti cinque piloti della squadra DTM di Audi rimarranno invariati, mentre Gass ha confermato l’impegno del costruttore nella categoria: “Audi crede ancora nel DTM. Con l’arrivo di Gerhard Berger abbiamo visto molte cose muoversi nella giusta direzione. Credo che avremo un lungo futuro in DTM.”

Ekström non esclude una partecipazione futura nel campionato tedesco, anche solo per una gara d’addio: “Se le auto avranno più potenza e meno aerodinamica come ho sempre desiderato, e se dovessi ricevere la chiamata di Dieter, non direi di no.”

Giuseppe Poliseno


Stop&Go Communcation

Il 39enne svedese ha deciso di porre fine alla sua lunga carriera in DTM, costellata da due titoli iridati nel […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2018/01/ekstrom-29012018.jpg Mattias Ekström saluta il DTM, al suo posto Robin Frijns

DTM