La quarta tappa del DTM porta una nuova coincidenza con il WRX, causando grattacapi a Mattias Ekström ed ai vertici di Audi Sport. Al momento la priorità va al DTM, ma la decisione finale avverrà dopo il round a Budapest.

È oramai divenuta abitudine la presenza del WRX al weekend inaugurale del DTM, ad Hockenheim. Il doppio appuntamento si è presentato anche quest’anno per Mattias Ekström, campione in carica Rallycross il quale ha potuto competere in entrambe le categorie senza particolari difficoltà logistiche.

Nel 2016, l’altro scontro del calendario corrispondeva al gran finale del DTM sullo stesso tracciato. Per lo svedese di Abt, troppo lontano dalla vetta della classifica in DTM, la decisione è stata facile: Ekström partecipò alla tappa WRX all’Estering, spianando la strada per il primo titolo iridato nella categoria. Questo successo ha anche garantito l’appoggio ufficiale di Audi Sport al suo team EKS.

Per il 2017, tuttavia, il problema si ripresenterà molto prima: nel weekend 30 giugno – 2 luglio ci sarà la quarta tappa stagionale del DTM al Norisring, mentre il WRX sarà di base a Holjes, in Svezia. Si tratta, dunque, dell’appuntamento di casa per l’alfiere Audi.

“È ancora più difficile prendere una decisione stavolta”, ammette Dieter Gass, a capo di Audi Sport. “Il programma DTM ha priorità sul WRX per Audi, quindi per il momento supponiamo che [Ekström] sarà al Norisring. Comunque, essendo entrambi i campionati così competitivi, sappiamo che perdere un round significa abbandonare la lotta al titolo.”

Con sei round disputati, il WRX vede Ekström secondo il classifica a otto lunghezze dal connazionale Johan Kristoffersson. La situazione non è altrettanto favorevole in DTM: dopo quattro gare il pilota Abt è sesto, lontano 37 punti dal leader Lucas Auer.

La decisione definitiva avverrà dopo l’appuntamento del DTM all’Hungaroring di Budapest, fissato per questo weekend. Nel frattempo lo svedese ha già scelto il suo sostituto in WRX: il pilota WRC Per-Gunnar Andersson, il quale ha già guidato l’Audi S1 WRX nel 2014.

“Se la scelta dovesse ricadere su un rookie, sarebbe troppo rischioso per una vettura one-off, e non avremmo alcuna auto da mandare in Canada [per la tappa a Trois-Rivieres il 4 agosto]”, ha spiegato Ekström, al quale manca ancora una vittoria sullo stretto circuito di Norimberga.

“Per il momento è probabile che io corra al Norisring e PG a Holjes. Fortunatamente la FIA ha fatto un cambio nel regolamento, perciò abbiamo tempo di correggere la nostra scelta a seconda dei risultati di Budapest. Aspettiamo e vediamo cosa succede.”

Audi, dal canto suo, mantiene assoluto riserbo: “Non abbiamo un pilota di riserva designato, ma valutiamo chi è libero al momento”, ha spiegato Gass. “Abbiamo le idee chiare su chi chiamare nel caso ci sia bisogno di sostituire Eki al Norisring.”

Giuseppe Poliseno


Stop&Go Communcation

La quarta tappa del DTM porta una nuova coincidenza con il WRX, causando grattacapi a Mattias Ekström ed ai vertici […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2017/06/ekstrom-13062017.jpg Mattias Ekström, ancora incerta la sua presenza al Norisring

DTM