Il pilota Abt raggiunge la sua seconda vittoria in carriera, a scapito di Green che era passato avanti in partenza. Wickens guadagna il terzo posto e lo difende sino alla fine, Wittmann quarto è il nuovo leader di classifica.

L’inusuale andamento antiorario del circuito ha giocato un ruolo chiave nella strategia di Jamie Green: il britannico, partito dalla seconda posizione, si è trovato all’interno della stretta curva 1 ed è riuscito a strappare il comando del gruppo al poleman Miguel Molina.

Lo spagnolo, più veloce, non si è mai staccato dalla coda del collega, per poi riuscire a riprendere la vetta alla settima tornata. Qui rimarrà indisturbato fino alla bandiera a scacchi. Per Molina si tratta della seconda vittoria in DTM, dopo quella dello scorso anno al Nürburgring. Inoltre, con lui il DTM 2016 continua ad avere un vincitore differente per ogni gara.

Raggiunto il giro di boa, Green sembrava nel mirino di Wickens per la seconda posizione. Tuttavia, il pilota Mercedes non è riuscito a insidiare seriamente l’Audi del team Rosberg. Passato in modalità difensiva, il canadese è salito sul gradino più basso del podio, con un buon margine sul resto del gruppo.

Marco Wittmann, dal canto suo, era troppo impegnato a difendere la quarta piazza per tentare di migliorare la sua posizione. Nonostante ciò, i dodici punti guadagnati hanno reso il campione 2014 nuovo leader di classifica, superando di slancio Mortara e Di Resta.

Il duo di Mücke Motorsport, Lucas Auer e Christian Vietoris, è stato presente per buona parte della gara nello specchietto retrovisore del pilota BMW. Vietoris ha sfruttato un errore dell’autriaco nei minuti finali per salire in quinta posizione, e infine anche Mattias Ekström avrà la meglio su di lui.

Alle spalle di Auer, settimo, è arrivato Edoardo Mortara, in rimonta dalla quattordicesima piazza in griglia. A pochi minuti dalla fine l’italiano ha avuto la meglio su Maxime Martin, il quale lo rincorreva a breve distanza nella lotta al campionato. I quattro punti raccolti hanno lasciato Mortara come principale inseguitore, distante tre lunghezze da Wittmann.

La zona punti viene infine chiusa da Nico Müller, che non è riuscito a replicare il primato delle libere 2. La doppietta messa a segno da Audi, infine, ha ridotto il gap con BMW nella classifica costruttori, fisso ora a 53 punti.

In tredicesima piazza, Paul Di Resta ha avuto un’altra gara a secco di punti, nonstante la buona risalita. Lo scozzese ha così perso il primato nella corsa al titolo 2016, ed è ora terzo, un solo punto dietro Mortara. La posizione successiva va a Gary Paffett, la cui gara è stata rovinata da un’escursione fuori pista nel giro iniziale. Gli steward hanno ritenuto Adrien Tambay colpevole dell’incidente, e gli hanno assegnato un warning.

Va menzionato anche Maximilian Götz, il quale ha subito una penalità di cinque posizioni in griglia per aver bloccato Mike Rockenfeller in qualifica, ed è dunque partito ventesimo. Nessuna azione invece per Timo Glock, investigato per lo stesso motivo.

L’unico ritiro, infine, riguarda Martin Tomczyk. Dopo una collisione con Esteban Ocon alla seconda tornata, entrambi sono andati in testa-coda. Il pilota BMW ha riportato danni alla sospensione, che lo hanno costretto al ritiro. Il francese, invece, è stato punito con un drive-through.

Il DTM torna in pista domani per la terza ed ultima sessione di prove libere, fissata per le 9:00.

Giuseppe Poliseno

I risultati della Gara 1


Stop&Go Communcation

Il pilota Abt raggiunge la sua seconda vittoria in carriera, a scapito di Green che era passato avanti in partenza. […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2016/06/molina-lausitzring2-04062016.jpg Lausitzring, Gara 1: Molina tiene a bada Green

DTM