Il team di Pascal Wehrlein ha ricevuto un ammenda per non aver attivato, dopo il pit stop, i relativi indicatori luminosi, sui due fianchi della vettura. Nessuna conseguenza per il pilota, che mantiene la leadership in classifica.

La gara domenicale di Oschersleben, dalla durata maggiore secondo il nuovo format, prevede il pit stop obbligatorio. Il regolamento sportivo del DTM, secondo l’articolo 39.12, richiede l’attivazione di due luci arancioni, sui due lati dell’auto, col fine di comunicare ai rivali ed agli spettatori che il pilota si è già fermato per il cambio gomme di rito.

Questa operazione spetta ai meccanici del team, oppure al pilota entro i due giri successivi. La sosta di Pascal Wehrlein è avvenuta alla tredicesima tornata, ma alla ripartenza le due luci di pit stop erano spente.

Il suo team ha notato la mancanza solo al giro 25, ben oltre la finestra ammessa: “Pascal, la tua luce pit stop è spenta. È necessario attivarla”, hanno comunicato dalla team radio. “Sono impegnato a correre, dimmi solo dov’è!”, ha urlato il ventenne, che ha dovuto accendere manualmente gli indicatori, perdendo un po’ di terreno nella sua rincorsa a Marco Wittmann.

Nessuna penalità inflitta a Pascal Wehrlein, che conserva il suo quinto posto a fine gara. Il tedesco rimane leader nella corsa al titolo iridato, a quattoridici punti di vantaggio su Mattias Ekström, che ha invece concluso il weekend all’asciutto.

La scuderia HWA si deve invece far carico di una piccola multa, dal valore di 1000€.

Giuseppe Poliseno


Stop&Go Communcation

Il team di Pascal Wehrlein ha ricevuto un ammenda per non aver attivato, dopo il pit stop, i relativi indicatori […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2015/09/wehrlein-oschersleben-14092015.jpg HWA multata per non aver acceso le luci di pit stop

DTM