In condizioni variabili, l’ex F1 prosegue i successi di ieri con una pole molto combattuta. Prima fila anche per il rookie René Rast, seguito da Jamie Green ed Edoardo Mortara.

Come previsto, una leggera pioggia ha reso l’asfalto di Hockenheim molto difficoltoso, per metà della breve sessione di qualifica. I primi giri non erano incorraggianti, con le auto difficili da gestire e diversi fuori pista – fortunatamente senza conseguenze.

Man mano che il tracciato andava asciugandosi, i team hanno richiamato le vetture per montare le gomme slick. Raggiunta la temperatura ottimale degli pneumatici (lo ricordiamo, niente coperte termiche nel 2017), le fasi finali si sono infiammate, con numerosi cambi al vertice nelle ultime due tornate.

Il record spetta in definitiva a Timo Glock, autore ieri di una brillante gara all’attacco che gli ha garantito la piazza d’onore. Con la sua M4 griffata Deutsche Post, ha fermato il cronometro a 1m31.406s, portando così a casa i primi 3 punti della giornata.

Dopo l’ex pilota F1, Augusto Farfus è arrivato a sfiorare la pole, lungo di pochi millesimi rispetto al compagno di squadra. Il brasiliano, tuttavia, ha percorso il traguardo circa un decimo di secondo oltre il limite massimo: il suo ultimo giro è stato così annullato, e dovrà partire dall’ultima posizione.

A fianco di Glock fa dunque capolino René Rast, che sta dimostrando ad Audi di aver ben riposto la sua fiducia. Il tedesco è solo alla sua quinta gara in DTM, e ieri era nuovamente in zona punti.

In seconda fila troviamo appaiati due ex colleghi ed ora rivali: sono Jamie Green ed Edoardo Mortara, con il britannico davanti per poco più di un decimo. Il portabandiera italiano aveva segnato per Mercedes l’ultimo miglior tempo con le gomme da pioggia, prima che tutti affollassero la pit lane per montare le coperture da asciutto. L’ex Audi è comunque il più veloce fra il gruppo della Stella, quarto sulla griglia.

Proseguendo troviamo Mike Rockenfeller, anch’egli uno dei protagonisti nella lotta alla pole. Sul podio in gara 1 dopo una partenza dalle retrovie, il tedesco è stato più volte al comando durante le qualifiche domenicali, l’ultima volta a ridosso del rimescolamento finale. Lo stesso vale per il campione 2012 Bruno Spengler, il quale affiancherà l’avversario in sesta piazza.

Nelle posizioni dalla sette alla nove abbiamo un trio Mercedes composto da Gary Paffett, il vincitore di ieri Lucas Auer e Maro Engel. Completa la top ten Mattias Ekström, il cui piazzamento può essere un po’ deludente dopo la vittoria messa a segno poco prima in WRX.

Il campione in carica Marco Wittmann, che pure sembrava in grado di mirare alle posizioni di testa, ha pagato un errore alla tornata conclusiva e si deve accontentare dell’ultima fila assieme al già citato Farfus. Infine Robert Wickens, sedicesimo, è sotto investigazione dai commissari di gara per un presunto bloccaggio ai danni di Mike Rockenfeller.

Dopo le qualifiche c’è, come di consueto, il ricalcolo delle zavorre. BMW si vede aggiungere 5kg, Mercedes perde la stessa quantità mentre Audi mantiene il peso invariato. Di conseguenza, le RS5 diventano le più leggere con 1120kg all’attivo, mentre le M4 e le C63 tornano al peso iniziale di 1125kg.

La gara 2, la cui durata ormai fissa è 55 minuti più un giro, avrà inizio alle 14:45.

Giuseppe Poliseno

I risultati delle Qualifiche 2


Stop&Go Communcation

In condizioni variabili, l’ex F1 prosegue i successi di ieri con una pole molto combattuta. Prima fila anche per il […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2017/05/glock-hockenheim-07052017.jpg Hockenheim, Qualifiche 2: È pole di Timo Glock

DTM