Mattias Ekstrom vince per la seconda volta consecutiva, Mike Rockenfeller e Jamie Green completano il podio garantendo il titolo costruttori ad Audi. Spettacolare quarto posto per Paul Di Resta, davanti a Marco Wittmann un po’ spento.

Bisognava aspettare il gran finale per vedere una gara esemplare da parte di Audi, quest’anno. Zero errori, tanta tattica e una buona dose di sana velocità hanno garantito a Mattias Ekstrom la seconda vittoria di fila, soffiandola a un Jamie Green alla carica.

Le gomme morbide hanno svolto nuovamente un ruolo fondamentale: il pilota svedese le ha montate nella seconda parte della gara, riuscendo a non far incrementare troppo il distacco col gruppo di testa durante la prima metà. Con le opzionali, è stata solo questione di tempo prima che si portasse in vetta.

Mike Rockenfeller ha scortato Ekstrom per l’intera gara, piazzandosi alle sue spalle sul podio. Disposizione simile appare anche nel campionato piloti, dove i due si sono assicurati il secondo e il terzo posto.

Il gradino più basso è occupato dal già citato Jamie Green. Il britannico è stato competitivo come non mai, in testa fino a due giri dalla fine, complice un’ottima partenza. Tuttavia, l’avanzata di Ekstrom e Rockenfeller verso di lui è stata accelerata quando mancavano sei tornate alla bandiera a scacchi: la Mercedes di Daniel Juncadella va e contro le barriere, arriva la safety car e i distacchi si annullano.

Questo imprevisto ha portato momenti di agitazione fra le fila Audi, poichè con le bandiere gialle si sono inesorabilmente avvicinati Marco Wittmann e Paul Di Resta, entrambi con le gomme morbide. Davanti a loro Timo Scheider, allora in quarta posizione con le coperture standard.

Difatti, Scheider è stato superato da entrambi, facendo svanire la prospettiva di un poker Audi. Nel compiere ciò, sorprendentemente Paul Di Resta ha avuto la meglio sul nuovo campione. Quarto posto, dunque, per l’ex F1, il migliore fra i piloti Mercedes.

Martin Tomczyk e Robert Wickens, anch’essi con le opzionali negli ultimi giri, sono arrivati fin dietro Scheider, superando Miguel Molina. Il poleman ha perso il comando della gara al primo giro con un fuori pista. La zona punti viene infine completata dalla BMW di Antonio Felix da Costa.

Christian Vietoris, quindicesimo, ha dovuto abbandonare le speranze di arrivare secondo nella classifica piloti: si è dovuto accontentare del quarto posto, ad un solo punto da Mortara. Non va bene neanche al suo collega Pascal Wehrlein, penalizzato per una unsafe release nei confronti di Scheider e ventunesimo a fine evento.

Con cinque vetture nella top ten, Audi è riuscita a strappare a BMW il titolo costruttori, garantendosi anche un confortevole vantaggio di 30 punti sul team di Monaco. Tra i suoi piloti, però, non è andata altrettanto bene ad Edoardo Mortara, nonostante il terzo posto in qualifica: per un problema alla frizione, l’italiano ha perso numerose posizioni in partenza. Nel tentativo di risalire si è fermato in un lungo duello con Joey Hand, con svariati contatti. Al giro 31 Mortara sarà costretto al ritiro, a causa dei danni riportati.

Un altro ritiro riguarda Maxime Martin, con l’auto pesantemente danneggiata nella concitata partenza. Il pilota belga ha resistito fino alla ventottesima tornata, per poi terminare la gara dopo aver ricevuto una warning flag dai commissari di gara.

Infine, nel corso del giro finale, proprio mentre Ekstrom attraversava una colonna di fuochi d’artificio, si è avuto un ultimo incidente fra Vitaly Petrov e Adrien Tambay. I due, in lotta per la dicottesima piazza, non hanno raggiunto il traguardo.

Hockenheim, gara:
1 Mattias Ekstrom – Audi RS5 DTM – 42 giri
2 Mike Rockenfeller – Audi RS5 DTM – +2.402s
3 Jamie Green – Audi RS5 DTM – +3.914s
4 Paul Di Resta – Mercedes AMG C-Coupè DTM – +4.163s
5 Marco Wittmann – BMW M4 DTM – +4.962s
6 Timo Scheider – Audi RS5 DTM – +6.540s
7 Martin Tomczyk – BMW M4 DTM – +7.526s
8 Robert Wickens – Mercedes AMG C-Coupè DTM – +10.344s
9 Miguel Molina – Audi RS5 DTM – +11.104s
10 Antonio Felix da Costa – BMW M4 DTM – +12.198s
11 Gary Paffett – Mercedes AMG C-Coupè DTM – +14.781s
12 Timo Glock – BMW M4 DTM – +15.179s
13 Bruno Spengler – BMW M4 DTM – +15.838s
14 Nico Muller – Audi RS5 DTM – +15.973s
15 Christian Vietoris – Mercedes AMG C-Coupè DTM – +17.769s
16 Joey Hand – BMW M4 DTM – +17.769s
17 Augusto Farfus – BMW M4 DTM – +23.024s
18 Vitaly Petrov – Mercedes AMG C-Coupè DTM – +1 giro
19 Adrien Tambay – Audi RS5 DTM – +1 giro
20 Pascal Wehrlein – Mercedes AMG C-Coupè DTM – +2 giri
21 Daniel Juncadella – Mercedes AMG C-Coupè DTM – +6 giri
22 Edoardo Mortara – Audi RS5 DTM – +11 giri

Ritiri:
Maxime Martin – BMW M4 DTM – +15 giri

Giuseppe Poliseno


Stop&Go Communcation

Mattias Ekstrom vince per la seconda volta consecutiva, Mike Rockenfeller e Jamie Green completano il podio garantendo il titolo costruttori […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2014/10/ekstrom-hockenheim-19102014.jpg Hockenheim, Gara: Ekstrom vince ancora, Audi blocca il podio

DTM