Conclusi gli ultimi quattro giorni di prova all’Hockenheimring, non rimane che attendere l’inizio del campionato. Nella corsa al giro più veloce, spunta BMW con Timo Glock dopo un predominio Mercedes.

Dopo la tappa a Vallelunga, il DTM è tornato sul suo tracciato di casa, nella regione del Baden-Württemberg. Quattro ulteriori giornate di prova sono state portate a termine, da lunedì a giovedì, con le auto in configurazione ufficiale e con le livree definitive che appariranno nel campionato 2017.

Per l’occasione, come di consueto, l’Hockenheimring ha aperto le sue porte al pubblico in maniera gratuita, per mostrare ai fans le vetture dal vivo. Anche il clima ha fatto la sua parte, regalando assenza di pioggia seppur con temperature abbastanza rigide.

Ciasun team ha alternato i propri sei piloti alla guida delle vetture, percorrendo un totale combinato di 4043 giri del tracciato lungo 4,574km. Non è mancata la corsa al miglior tempo, con il solito avvertimento che le prestazioni durante le prove libere non riflettono necessariamente gli equilibri in gara.

Da lunedì fino a mercoledì, è stato il team della Stella a farla da padrone: il veterano Gary Paffett ha dettato il passo nelle prime due giornate , passando poi il testimone al collega Robert Wickens. Ma la sfida al cronometro è stata decisa solo l’ultimo giorno, quando BMW si è infilata di prepotenza con Timo Glock.

Spetta all’ex F1, alla guida della M4 DTM griffata Deutsche Post, il primato del giro più veloce con 1m 30.201s. Mercedes si è comunque aggiudicata la piazza d’onore con Paul Di Resta, distante 0.037s dalla vetta. Molto vicino è arrivato anche il campione in carica Marco Wittmann, il cui miglior risultato è 1m 30.262s. Paffett è stato dunque scalzato in quarta piazza, precedendo Lucas Auer e Robert Wickens.

Audi, dal canto suo, ha mantenuto tempi più costanti ma privi di mordente, arrivando al termine di ogni sessione corta di circa 3 decimi. Mike Rockenfeller è il suo miglior rappresentante al settimo posto in classifica, lontano 0.358s dalla vetta. Dietro di lui Mattias Ekström, mentre Bruno Spengler e Nico Müller completano questa top ten collettiva.

Infine, René Rast si aggiudica il titolo di miglior new entry questa settimana, firmando il tredicesimo miglior tempo davanti a Maro Engel. Solo quindicesimo Edoardo Mortara, in attesa della sua prima gara in DTM da pilota Mercedes. Il principale inseguitore del 2016, tuttavia, è sceso in pista solo durante le prime due giornate.

Le prestazioni messe in mostra indicano il notevole aumento di passo delle vetture DTM, complici l’aumento di potenza e le gomme più morbide: durante le ultime sessioni di giovedì, nove piloti su dieci sono scesi al di sotto di 1m 31s. Non ci resta che attendere le prime gare del 2017, fissate per il weekend 5-7 maggio sempre ad Hockenheim, per vierificare.

Giuseppe Poliseno


Stop&Go Communcation

Conclusi gli ultimi quattro giorni di prova all’Hockenheimring, non rimane che attendere l’inizio del campionato. Nella corsa al giro più […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2017/04/glock-hockenheim-07042017.jpg DTM test days Hockenheim, Timo Glock detta il passo

DTM