Audi firma una doppietta in scioltezza con René Rast e Nico Müller, mentre il primo minaccia sempre più la corsa al titolo di Gary Paffett e Paul Di Resta.

Non bastavano i 56 punti collezionati al Nürburgring: René Rast monopolizza il gradino più alto del podio anche durante la trasferta austriaca, mancando però un buon piazzamento in qualifica.

Se la vittoria in gara 1 ha fatto discutere, quella odierna è apparsa molto più lineare. Fondamentale è stata la partenza esemplare del pilota #33, il quale ha scavalcato in pochi metri Pascal Wehrlein, Edoardo Mortara e Joel Erikkson per ottenere la quarta posizione.

Intanto, Nico Müller è rimasto vicino al poleman Gary Paffett, per poi superarlo alla terza tornata. Paffett ha risposto due giri dopo, permettendo così a Di Resta e Rast di avvicinarsi al duo di testa, seguiti a loro volta da Erikkson.

La scelta con cui Audi ha gestito i pit stop è stata inoltre vincente per il tedesco #33: Rast ha servito la sua sosta al giro numero 17, proprio mentre Augusto Farfus fermava la sua vettura all’esterno della curva 4.

La M4 del brasiliano è stata rimossa senza l’intervento della safety car, evitando così l’interruzione della gara. Paul Di Resta ha effettuato il cambio gomme al passaggio successivo, superato con facilità da Rast una volta rientrato in pista.

Dopo un’ulteriore tornata, Müller e Paffett hanno attraversato la pit lane in contemporanea, ma i meccanici HWA hanno nuovamente perso tempo prezioso sulla vettura del britannico.

Rientrati in pista, Rast ha facilmente preso la seconda posizione dal rivale Paffett, mentre Di Resta si è avvicinato minacciosamente al collega.

Il duello fra i due contendenti al titolo è durato per diversi giri, sebbene non fosse particolarmente acceso. Lo scozzese ha avuto la meglio al ventunesimo giro, ma dopo altre 7 tornate Paffett ha riottenuto la posizione – che, a fine gara, sarebbe diventata il gradino più basso del podio.

Il sorpasso di Rast su Müller è avvenuto al passaggio numero 28: lo svizzero è rimasto a breve distanza dal collega, avvicinandosi molto in un paio di occasioni durante l’ultima tornata. Alla bandiera a scacchi, il gap fra le due Audi ammontava a quattro decimi.

Di Resta ha invece tagliato il traguardo in quarta posizione, con un discreto vantaggio su Joel Erikkson. Replicando la situazione in qualifica, il rookie svedese firma nuovamente il miglior risultato di BMW.

Pascal Wehrlein è sesto, seguito da Timo Glock. L’ex F1 ha ingaggiato una breve ma intensa battaglia con Daniel Juncadella nelle fasi finali della gara: lo spagnolo ha mancato il punto di frenata in curva 4, finendo diritto nella ghiaia – fortunatamente senza conseguenze.

Il returnee della Stella ha tagliato il traguardo appena fuori dalla top ten, completata invece da Mike Rockenfeller, Philipp Eng ed Edoardo Mortara.

Sebastién Ogier ha terminato la sua seconda gara in DTM in diciassettesima posizione, dopo un vivace duello con il già citato Augusto Farfus.

Fra i ritiri della giornata annoveriamo anche Lucas Auer, decisamente insoddisfatto dal suo weekend di casa. L’ex F3 ha parcheggiato la sua vettura nel box al quindicesimo giro, per diversi problemi tecnini che si sono manifestati sin dalla qualifica.

Con la vittoria attuale, René Rast sale a quota 199 punti, 26 in meno di Gary Paffett. Paul Di Resta lascia il Red Bull Ring come leader della classifica iridata, con 229 lunghezze all’attivo.

Rimane solo il weekend finale ad Hockenheim per completare la stagione 2018 del DTM, in programma dal 12 al 14 ottobre.

Giuseppe Poliseno

I risultati della Gara 2


Stop&Go Communcation

Audi firma una doppietta in scioltezza con René Rast e Nico Müller, mentre il primo minaccia sempre più la corsa […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2018/09/rast-spielberg-23092018.jpg DTM – Red Bull Ring, Gara 2: Quarta vittoria di fila per l’incredibile René Rast

DTM