Il tanto criticato sistema di zavorre verrà rivisto per la prossima stagione. Allo studio diverse soluzioni.

Il nuovo regolamento che vuole allineare le prestazioni del piloti tramite pesi aggiuntivi, debuttante quest’anno, ha in realtà messo in luce evidenti disparità: molto spesso un costruttore che ha mostrato una posizione dominante si è trovato poi a faticare per raggiungere la zona punti. Un meccanismo, secondo il parere generale fra i team, fin troppo artificiale e invadente.

Clamoroso è il caso di Oschersleben, dove BMW ha quasi occupato l’intera zona punti, aiutata dal peso inferiore delle sue M4. Attualmente, partendo da una base di 1120kg, vengono aggiunti fino a otto blocchi da 2.5kg ciascuno, o tolti fino a sei a seconda del risultato del pilota e del costruttore nel weekend precedente.

In questo modo le auto possono segnare valori sulla bilancia compresi fra 1105 e 1140kg, situazione che si è dimostrata determinante in gara.

Mattias Ekström, il pilota che maggiormente ha sofferto per l’uso di queste zavorre, ha espresso il suo disappunto durante un’intervista ad Autosport: “Non mi dispiace avere regole sui pesi, finché non compromettono il risultato in gara.”

“Se in gara sei portato a dire ‘Mi va bene non finire nella zona punti perché perderò le zavorre’, penso che sia una cosa molto stupida. Dovrebbe esserci un nuovo sistema dove il risultato in gara non influenza il proprio peso, perchè quando corri, l’obiettivo dovrebbe essere lottare per ogni singola posizione. Vorrei che si assegnassero punti a tutti, dal primo all’ultimo, e non avere pesi relativi al risultato in gara.”

Il suo collega Jamie Green suggerisce, inoltre, di prendere spunto dalla Super GT, dove le zavorre sono dimezzate al penultimo round ed eliminate totalmente per il gran finale.

“Penso che non sia un cattivo compromesso”, spiega il britannico. “Permette a chi non ha un’auto forte di essere competitivo durante l’anno, ma a fine campionato i più veloci dovrebbero essere quelli in lotta per il titolo.”

Anche dalle fila Mercedes arriva disappunto: È chiaro che bisogna lavorare su un nuovo sistema, l’effetto altalenante è troppo accentuato al momento”, commenta il boss di Mercedes-AMG DTM, Ulrich Fritz.

“Sia noi, come costruttori, che l’organo regolatore concordiamo che ciò vada fatto al termine della stagione, e da lì va trovata una nuova soluzione. Il primo passo potrebbe essere riadattare i pesi fra il sabato e la domenica, ma forse serviranno anche altre misure.”

Giuseppe Poliseno


Stop&Go Communcation

Il tanto criticato sistema di zavorre verrà rivisto per la prossima stagione. Allo studio diverse soluzioni. Il nuovo regolamento che […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2015/09/dtm-21092015.jpg DTM: nel 2016 cambieranno i pesi aggiuntivi

DTM