La safety car è arrivata nuovamente a mischiare le carte in tavola: ne hanno giovato coloro che hanno anticipato il pit stop, primo fra tutti Maro Engel. Gran rimonta per Mattias Ekström, secondo grazie al gioco di squadra.

Il giro d’apertura è stato cruciale per lo svolgimento della gara 2 al Moscow Raceway: al via Bruno Spengler, in pole dopo l’esclusione di Tom Blomqvist, è riuscito a difendersi da Mattias Ekström.

Dalla seconda fila, Paul Di Resta ha avuto la meglio su René Rast, autore di una partenza non molto reattiva.

Al primo passaggio dalla curva 1, il resto del gruppo ha avuto qualche contatto, in particolar modo fra Loïc Duval e Maxime Martin. La BMW del belga è finita nella ghiaia, accumulando detriti che hanno successivamente ostruito i radiatori.

Nel frattempo, Maro Engel, Marco Wittmann, il poleman squalificato Tom Blomqvist e Loïc Duval hanno effettuato la sosta d’ordinanza al termine della prima tornata.

Questa scelta si è rivelata azzeccata, poichè al sesto passaggio, un fuori pista di Martin si è tramutato in un principio d’incendio della sua vettura, priva di sistemi di raffreddamento.

La safety car è stata necessaria, mentre il pilota stesso e il personale a bordo pista usavano gli estintori. Dopo tre giri, la BMW è stata trainata via e le bandiere gialle sono rientrate.

Ne è seguita una ripartenza a doppia fila, la quarta dall’inizio del campionato, svoltasi in maniera tranquilla. Così come accaduto a Budapest, tuttavia, chi aveva già effettuato la sosta in quel momento ha portuto recuperare il terreno perso e riagganciarsi al gruppo.

All’undicesimo giro Ekström ha superato Spengler per il comando virtuale della gara. Dopo altri quattro passaggi lo svedese ha effettuato il pit stop, per poi lanciarsi all’inseguimento del gruppetto di testa.

Nel fare ciò, il due volte campione è stato aiutato dal collega in Abt, Nico Müller: lo svizzero è stato l’ultimo a fermarsi, con lo scopo di rallentare il poker di piloti comandato da Marco Wittmann.

Incapace di superare la RS5 #51, alla ventitreesima tornata Wittmann ha dovuto far strada ad Engel, per quello che poi diventerà il comando della gara. Poco dopo Ekström ha raggiunto il gruppetto di testa, cominciando a superare Duval.

Il francese si è così trovato a lottare con Paul Di Resta che sopraggiungeva: il pilota Mercedes ha ingaggiato una breve ma intensa lotta, rimediando un warning ed una foratura che lo ha portato a concludere prematuramente la gara.

Ekström ha poi perso tempo prezioso, tentando di superare Tom Blomqvist prima e Marco Wittmann poi, nonostante il duo avesse terminato il DRS. Così il veterano Audi non ha potuto raggiungere Maro Engel, il distacco fra i due pari a soli 0.3s alla bandiera a scacchi.

Al termine di un evento ricco di colpi di scena, il returnee Mercedes ha firmato la prima vittoria della sua carriera, non essendo andato oltre un sesto posto nel periodo 2008-2011. Il gradino più basso del podio è andato a Bruno Spengler, il quale ha avuto la meglio nelle concitate fasi finali.

Il campione in carica ha difatti cominciato ad accorciare il passo, finendo nelle grinfie di Jamie Green. La lotta fra i due ha permesso al canadese di passare, assieme al vincitore di ieri René Rast.

Il tedesco di Audi ha poi superato il compagno di scuderia per il quarto posto finale, mentre Wittmann è arrivato sesto.

La settima piazza appartiene a Mike Rockenfeller, nonostante la sua partenza dal fondo del gruppo. Il pilota Phoenix, sempre rallentato dalla frattura al piede sinistro, è riuscito a mettersi alle spalle Tom Blomqvist.

Il penultimo slot della zona punti va a Lucas Auer, che ha frenato la sua risalita dopo una lunga ed intensa battaglia con René Rast. Da essa il tedesco ha ricavato il terzo warning della stagione: dovrà arretrare di cinque posizioni in griglia di partenza per la prossima gara.

L’ultimo punto della giornata viene poi collezionato da Robert Wickens, stessa posizione assunta in partenza.

Gli eventi conclusivi hanno infine negato a Loïc Duval i primi punti della sua carriera in DTM, l’ex WEC quindicesimo davanti a Nico Müller.

Terminato il weekend al Moscow Raceway, Mattias Ekström è tornato al comando della classifica piloti, grazie alla piazza d’onore di oggi. Lo svedese di Abt ha 113 punti all’attivo, uno solo in più del collega René Rast. Lucas Auer scende invece al terzo posto, 16 lunghezze dalla vetta.

Il DTM tornerà nel weekend 18-20 agosto, durante il quale sarà ospite della cittadina olandese di Zandvoort.

Giuseppe Poliseno

I risultati della Gara 2


Stop&Go Communcation

La safety car è arrivata nuovamente a mischiare le carte in tavola: ne hanno giovato coloro che hanno anticipato il […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2017/07/engel-moscow-23072017.jpg DTM – Mosca, Gara 2: Maro Engel vince nel caos della safety car

DTM