Il secondo posto di René Rast basta a garantirgli il titolo iridato nella sua prima stagione completa in DTM, mentre il campione uscente Marco Wittmann vince la gara grazie ad una buona strategia.

Tre vittorie e infine il titolo piloti nel 2017: René Rast è riuscito nell’incredibile impresa di laurearsi campione al termine della sua prima stagione full-time in DTM. L’ultimo a fare ciò è stato Nicola Larini, vincitore della stagione 1993 del DTM al suo debutto con l’Alfa 155 V6 TI.

Il trentatreenne tedesco è stato aiutato dai buoni piazzamenti in griglia di partenza – 17 punti collezionati complessivamente durante le qualifiche, più di qualsiasi altro pilota nella stagione 2017.

E dire che alla partenza odierna Rast, già tre volte campione Porsche Supercup, ha perso un po’ di terreno. Marco Wittmann e Lucas Auer sono riusciti ad infilarsi davanti alla sua Audi: al termine del primo passaggio l’ex pilota LMP2 era quinto, superato anche da Robert Wickens.

Durante il quinto giro, tuttavia, Rast ha cominciato a riconquistare le posizioni perse, a partire dal canadese di Mercedes. Qualche minuto dopo ha la meglio anche su Lucas Auer, per poi lanciarsi all’inseguimento del duo BMW di Blomqvist e Wittmann.

Il campione griffato Red Bull, nel frattempo, si avvicinava al collega Blomqvist, ma il poleman è riuscito a difendere il comando della gara. Con una saggia scelta strategica, Wittmann ha approfittato della situazione per servire la sua sosta obbligatoria – siamo al dodicesimo passaggio – lasciando Rast all’inseguimento del britannico.

Grazie all’uso del DRS, la new entry Audi ha la meglio sul pilota #31 quattro tornate dopo, a cui Blomqvist ha reagito fermandosi per il cambio gomme. Rast invece rimane in pista, lontano dal traffico, optando per un lungo primo stint.

Rientrato in pista con pneumatici freddi, il pilota RBM ha dovuto lasciare strada a Wittmann, il quale ha poi girato su tempi leggermente più bassi del neo laureato campione. Così quando finalmente Rast ha percorso la pit lane al giro 23, la punta BMW ha mantenuto un considerevole vantaggio su di lui.

Questo gap ha permesso a Wittmann di vincere l’ultima gara dell’anno in maniera confortevole, nonostante Rast avesse gomme più fresche negli ultimi minuti di gara. Inoltre il pilota Audi ha passato tempo prezioso dietro Bruno Spengler, ultimo pilota a fermarsi con l’obiettivo di aiutare il collega.

Il rischio maggiore per Rast è arrivato al suo rientro in pista, quando Blomqvist e Wickens si sono presentati alle sue spalle. La difesa del tedesco ha permesso a Wickens di avvicinarsi al poleman abbastanza da tentare l’assedio: il canadese ha infine tamponato Blomqvist all’ingresso del tornante Spitzkehre.

Alla ventiquattresima tornata, l’ombra della safety car è arrivata minacciosa sull’Hockenheimring, tuttavia è stata sufficiente una yellow flag poiché i detriti erano oltre i limiti del tracciato. Il pilota inglese si è subito ritirato, mentre Wickens ha resistito per altri tre giri nonostante il drive-through rimediato.

Alla bandiera a scacchi, Wittmann aveva un vantaggio di 3.143s su Rast, mentre Mike Rockenfeller è salito sul gradino finale del podio. Partito settimo, il pilota Phoenix ha avuto un altro buon risultato dopo la piazza d’onore in gara 1. Anche Gary Paffett ha compiuto una gara brillante, quarto e miglior pilota Mercedes.

Rast è stato aiutato dalle sfortune di Jamie Green e in particolare di Mattias Ekström, che è arrivato all’evento finale come leader di classifica. Il duo è rimasto appaiato per buona parte dell’evento, dopo un contatto in partenza che ha relegato entrambi in coda al gruppo.

Hanno effettuato assieme anche la loro sosta, qualche istante dopo l’incidente fra Blomqvist e Wickens. Nel secondo stint, il britannico ha mostrato un passo migliore rispetto allo svedese di Abt, riuscendo a raggiungere la quinta piazza.

Maxime Martin ed Augusto Farfus sono gli ultimi ad essere stati superati dall’ex driver Mercedes, finiti sesto e settimo al traguardo. Ekström ha strappato poi l’ottava piazza da Edoardo Mortara, ma non è stato abbastanza per mantenere la leadership di classifica. Le due Mercedes griffate BWT completano infine la top ten.

Rast ha ottenuto il titolo iridato con un totale di 179 punti, tre in più del veterano di Abt e 6 da Green, il quale è terzo nella classifica piloti. Mike Rockenfeller è infine al quarto posto, davanti a Marco Wittmann e a Lucas Auer, più distaccato.

Audi ha fatto incetta di trofei anche nel campionato costruttori, vinto con un vantaggio di 230 punti su Mercedes, e in quello scuderie: il team Rosberg, composto da René Rast e Jamie Green, è al suo primo titolo iridato in DTM.

Giuseppe Poliseno

I risultati della Gara 2


Stop&Go Communcation

Il secondo posto di René Rast basta a garantirgli il titolo iridato nella sua prima stagione completa in DTM, mentre […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2017/10/rast-hockenheim-15102017.jpg DTM – Hockenheim, Gara 2: Marco Wittmann vince, René Rast rookie campione!

DTM