Nel meeting di oggi è stato deciso il prossimo passo della collaborazione DTM – Super GT: dal 2017 le auto avranno caratteristiche comuni, con motori 4 cilindri da 2 litri turbocompressi. Con le prossime sedute verranno delineati gli altri aspetti del nuovo regolamento internazionale, Class One.

Già legati a partire da questa stagione da un regolamento tecnico comune (riguardante principalmente telaio e aerodinamica), il DTM e il Super GT porteranno la loro partnership al livello successivo.
Deciso durante il terzo meeting fra le due categorie, tenutosi oggi a Tokyo, a partire dal 2017 le auto saranno costruite secondo criteri comuni. Via i V8 quattri litri aspirati usati nel DTM, il nuovo motore sarà un più eco-friendly 2 litri, quattro cilindri in linea, turbocompresso. Le potenze saranno nell’ordine dei 600cv, un centinaio in più rispetto ad oggi.
Il nuovo regolamento, valido a livello internazionale e noto col nome di Class One, comprenderà limitazioni per i test, specifiche degli pneumatici e utilizzo del DRS, mentre le silhouette delle vetture rimarranno simili a quelle odierne.
Con gli ulteriori dettegli da delineare nelle future riunioni, questo nuovo Class One ambisce a creare campionati spettacolari, con un occhio di riguardo alla sicurezza e grande attenzione al contenimento dei costi. Ciascun produttore, infatti, potrà far correre le proprie auto a livello globale con un investivento ragionevole e senza grandi modifiche.
Oltre ai promotori ITR e.V. (DTM) e GTA (SuperGT), anche l’ente americano IMSA sta pianificando una serie di gare secondo il nuovo regolamento.
“L’accordo fra i costruttori tedeschi e giapponesi è un’importante pietra miliare per la condivisione a livello globale del nuovo regolamento Class One”, commenta soddisfatto Hans Werner Aufrecht, leader di ITR. “Sta ai costruttori decidere se vorranno far correre la loro auto Class One oggi a Suzuka, al Nurburgring la prossima settimana o a Daytona fra due. Questa scelta fornisce opportunità di marketing totalmente nuove ai costruttori.”
“Il nome comune Class One è un componente importante che tiene assieme il tutto. Quindi, sono felice che potremo dimostrare la nostra base comune in Europa, Giappone e USA, sotto questa particolare definizione. Tutto ciò ci porterà a raggiungere una varietà di marchi mai vista prima con il più alto livello tecnico e, di conseguenza, forniremo alla gente corse automobilistiche ancora più affascinanti. Non è una prospettiva fantastica che auto spettacolari come quelle da DTM portanno correre in tutto il mondo con costi ragionevoli, in futuro?”

Giuseppe Poliseno


Stop&Go Communcation

Nel meeting di oggi è stato deciso il prossimo passo della collaborazione DTM – Super GT: dal 2017 le auto […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2014/09/30092014.jpg DTM e Super GT, motori 2 litri turbo dal 2017

DTM