L’accordo è stato annunciato con una conferenza stampa al margine della gara 1 al Norisring: nel 2019 vi saranno due gare congiunte.

Dopo diversi anni di ripensamenti e trattative, finalmente gli enti regolatori di DTM e Super GT hanno raggiunto un accordo: la prima stesura del regolamento tecnico Class 1 è stata presentata oggi a Norimberga, sede della quarta tappa del DTM 2018.

Fulcro del nuovo concetto è il motore 4 cilindri da due litri, simile a quello già usato in Super GT e più volte rimandato dal DTM. Grazie alla sovralimentazione, svilupperà una potenza di circa 620 cavalli, 100 in più rispetto al V8 adottato ad oggi nella serie tedesca. Le appendici aerodinamiche verranno riviste , avvicinandosi più a quelle attualmente utilizzate dal campionato del Sol Levante.

La maggior potenza poterà ad una maggiore velocità di punta, nell’ordine dei 300km/h: saranno necessarie prese d’aria maggiorate, sia per il motore che per l’impianto frenante, il quale dovrà essere adattato alle nuove prestazioni.

La monoscocca con relativa cella di sicurezza, impiegata dal DTM sin dal suo ritorno nel 2000, verrà standardizzata ed usata da entrambe le categorie.

Il DTM sarà il primo campionato ad adeguarsi completamente ai dettami Class 1, già dal prossimo anno. Il percorso di adattamento per il Super GT giapponese sarà invece ultimato nel 2020, secondo una versione del regolamento Class 1 adatta alle gare endurance.

Nel 2019, inoltre, assisteremo alle prime due gare in comune fra le vetture di entrambe le categorie: vi sarà un evento in Europa ed uno in Asia, con un regolamento sportivo che ricorda quello attualmente in vigore nel DTM.

Le gare saranno dunque di breve durata, senza cambio pilota o rifornimento, ma sarà mantenuto il pit stop obbligatorio relativo al cambio degli pneumatici. Per garantire prestazioni uniformi, verrà impiegato un opportuno Balance of Performance.

“Voglio ringraziare Bandoh-san [direttore di GTA, ente che regola il Super GT] e tutto il personale che ha lavorato sul progetto Class 1”, ha commentato il patron del DTM, Gerhard Berger. “Sono davvero contento che il DTM ed il Super GT abbiano compiuto un passo cruciale: l’organizzazione di gare combinate.”

“Inoltre, con l’adozione del nuovo regolamento dal 2019 abbiamo tracciato la strada per il futuro: rimarremo una serie aperta all’ingresso di nuovi costruttori.”

“Credo fermamente che questi eventi condivisi poteranno ulteriore interesse per i fans in tutto il mondo, e sia il Super GT che il DTM proseguiranno con lo sviluppo in comune” ha infine aggiunto Masaaki Bandoh.

Al termine della stagione 2017 del DTM, le vetture delle due categorie sono apparse assieme sul tracciato di Hockenheim. Tale esibizione è stata poi ripetuta sul circuito Twin Ring di Motegi, in Giappone, in occasione della tappa finale del Super GT.

Giuseppe Poliseno


Stop&Go Communcation

L’accordo è stato annunciato con una conferenza stampa al margine della gara 1 al Norisring: nel 2019 vi saranno due […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2018/06/dtm-23062018.jpg DTM e Super GT, finalizzato il regolamento tecnico Class 1

DTM