Addio ai grossi V8 aspirati, nel 2017 si passa ai 2.0 turbo. Cosa cambierà per il DTM? E’ questo il passo necessario, o si perderà un elemento distintivo?

Iniziamo con una doverosa premessa: il DTM così come lo conosciamo oggi, quello nato nel 2000 sotto la guida di ITR, è sempre stato contraddistinto da motori V8 aspirati. Questi grossi 4 litri, dalle potenze specifiche relativamente basse, sono col tempo diventati un tratto distintivo della categoria.

I nuovi 2 litri che verranno adottati a cominciare dal 2017, frutto della collaborazione fra DTM e Super GT, saranno sovralimentati, con iniezione diretta e potenze specifiche nell’ordine dei 300 cavalli/litro. Una rivoluzione rispetto ad oggi, che fa discutere in molti, temendo che il DTM possa perdere il suo tratto distintivo.

Il punto è questo: le auto da DTM non sono state sempre V8. Nel vecchio DTM, tanto per fare alcuni esempi, la nostrana Alfa 155 TI era spinta da un V6, così come l’Opel Calibra. La BMW M3 E30 e la Mercedes 190E 2.5-16, quest’ultima una delle auto di maggior successo nel campionato, avevano entrambe quattro cilindri. Eccezione era l’Audi V8 quattro, 8 cilindri e trazione integrale, ben più grossa e pesante delle rivali.

Con questo arriviamo al più grave difetto del DTM attuale: la mancanza di libertà. Il problema non sarà l’abbandono del 4 litri ma, all’atto pratico, il divieto di provare soluzioni diverse che va avanti da 14 anni a questa parte. Motore, cambio e la maggior parte dei componenti continueranno ad essere assegnati, uguali per tutti.

Immaginate un DTM in cui chi vuole usa un 2.0 turbo, altri rimangono col V8. Oppure un DTM in cui sia concesso ad Audi di utilizzare nuovamente la sua trazione quattro: tante scelte contrastanti, ognuna con i suoi pro e i suoi contro a seconda della situazione.

Sarebbe ora di dire basta all’ossessione di appianare ogni minima differenza, sta uccidendo questo sport. O forse i tempi cambiano, e queste sono semplicemente nostalgiche fantasie.

Giuseppe Poliseno


Stop&Go Communcation

Addio ai grossi V8 aspirati, nel 2017 si passa ai 2.0 turbo. Cosa cambierà per il DTM? E’ questo il […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2014/10/old-dtm-06102014.jpg DTM a quattro cilindri, fra passato e futuro

DTM