Una gara senza grandi emozioni fino alle ultime cinque tornate, dove il terzetto di testa ha dato vita a un grande spettacolo di sportellate e ruote fumanti. Green primo al traguardo, è il primo a capire che per vincere bisogna farsi strada e così, dopo aver sopravanzato Spengler, s'infila di prepotenza alla Scholler-S davanti a Scheider. Spengler si accontenta del secondo posto, quando a quattro tornate dal termine ha potuto pregustare il sapore di una vittoria, sfumata quando Scheider ha tentato un sorpasso forzatissimo al tornantino finale che l'ha costretto ad allargare in maniera esagerato la traiettoria, lasciandosi sfilare da Green. Ekstrom ringrazia l'accesa battaglia del trio davanti, che gli ha permesso di recuperare il distacco e di conquistare un podio insperato fino a 10 giri dalla fine. Scheider in testa fino al 75esimo giro, ha concluso la gara solo in quarta posizione.

La cronaca della Gara 

Alla partenza, Scheider si difende dagli attacchi di Ekstrom, mentre Legge, partito dalla quarta fila, ha uno start molto lento e alla prima curva transita solo in 14esima posizione. Alla Scholler-S Kostka tampona Jarvis, mentre Ekstrom sopravanza Scheider nella curva successiva. Safety car in pista per l'incidente avvenuto nella prima tornata e alla ripartenza il pilota tedesco si riporta davanti allo svedese. La classifica è la seguente: Scheider davanti ad Ekstrom,terzo Spengler, quindi Paffett, Green, Engel, Kristensen, Premat, Schumacher e Rockenfeller.

Al giro 19 inizia il valzer dei pit-stop. I primi a rifornire sono Schumacher e Rockenfeller. Nei giri successivi, transitano ai box anche Paffett, Premat, Ekstrom e Stoddart. Lo svedese, al rientro in pista, perde una posizione a favore di Paffett. Il leader della corsa effettua la prima sosta alla 25esima tornata e rientra in pista davanti a Paffett.

Stoddart gioca le sue carte effettuando la seconda ed ultima sosta quando mancano ancora 50 tornate alla conclusione della gara. Engel, Kristensen e Schumacher, riforniscono per la seconda volta al giro 36 e rientrano rispettivamente in settima, ottava e quattordicesima posizione. Due giri dopo è il turno di Spengler, al primo rifornimento, che rientra appena dietro a Scheider, mentre Premat tampona Di Resta e si ritira.

Attorno a metà gara, quasi tutti i piloti effettuano la seconda sosta, ma le posizioni di testa non cambiano, con Scheider ancora davanti all'arrembante Spengler, seguiti da Ekstrom e Paffett, mentre Engel ha difficoltà a ripartire dalla piazzola dei box. Secondo pit al giro 55 per il leader Jamie Green, che si ritrova appena dietro al duo di testa.

Non succede più nulla fino ai 5 giri conclusivi, quando i primi 3 piloti, racchiusi in poco più di un secondo, danno luogo a una lotta per la vittoria dove protagoniste sono le sportellate. Giro 76, Spengler approfitta di un errore di Scheider alla prima curva per portarsi davanti. Il giro successivo, Scheider riconquista di forza la leadership, mentre Green approfitta della situazione per portarsi in seconda posizione. La battaglia davanti permette agli inseguitori di avvicinarsi ed ecco apparire sullo sfondo un Ekstrom intenzionato a fare la parte della sorpresa. Mancano due giri e Green s'infila di forza all'interno di Scheider nella chicane Scholler ed il tedesco, tentando di resistere all'attacco, allarga troppo la traiettoria, venendo infilato da Spengler ed Ekstrom. Anche Paffett cerca di approfittare dell'errore di Scheider per sopravanzarlo, ma gli vengono chiuse tutte le porte. L'ultimo giro non regala troppe emozioni e così sotto la bandiera a scacchi transitano nell'ordine Green, Spengler, Ekstrom, Scheider, Paffett, Schumacher, Di Resta, Kristensen, Rockenfeller e Stoddart.

Nella foto, Jamie Green in azione

Clicca qui per visualizzare la classifica completa della gara


Stop&Go Communcation

Una gara senza grandi emozioni fino alle ultime cinque tornate, dove il terzetto di testa ha dato vita a un […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/8472_1g.jpg DTM – Norisring – Gara: Ultimi giri di fuoco regalano la vittoria a Green. Secondo Spengler, terzo Ekstrom. Scheider solo quarto

DTM