Il DTM getta le basi per lo sbarco al di là dell’Atlantico: a partire dal 2016 è prevista la nascita di un campionato americano parallelo alla serie tedesca. L’annuncio ufficiale è stato dato ieri durante una conferenza stampa tenutasi a New York, con la presenza congiunta di ITR (organizzatore del DTM) e Grand-Am.

La notizia è la conferma, da parte del DTM, di voler espandere il proprio orizzonte dopo aver già raggiunto l’accordo con il Super GT giapponese per la creazione di una base regolamentare comune che entrerà in vigore dal prossimo anno.

“I nuovi regolamenti tecnici e le partnership strette rappresentano, per la prima volta nella storia della categoria, una piattaforma globale per i costruttori impegnati”, ha dichiarato Hans  Werner Aufrecht, boss dell’ITR. “Una piattaforma che offre loro l’opportunità di gareggiare, con le stesse basi tecniche, nei mercati di Nord America, Europa e Asia”.

“In aggiunta ai sei costruttori tedeschi e giapponesi, Audi, BMW, Mercedes, Honda, Nissan and Toyota, che sono già coinvolti, la nuova collaborazione offre ovviamente un nuovo e interessante campo di attività per i marchi americani premium come Cadillac, Lincoln o Dodge”.

Nei programmi il DTM americano dovrebbe essere in pista a supporto dello United SportsCar Racing, il campionato che dal 2014 sorgerà dalla fusione della Grand-Am e della American Le Mans Series.

Il progetto ha la piena approvazione di Audi, BMW e Mercedes, che potranno così rafforzare la propria esposizione in un mercato strategico.


Stop&Go Communcation

Il DTM getta le basi per lo sbarco al di là dell’Atlantico: a partire dal 2016 è prevista la nascita di un campionato americano parallelo alla serie tedesca.

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2013/03/dtm-270313-01.jpg Dal 2016 un campionato DTM in America

DTM