Grossi cambiamenti in atto: lo storico fondatore Hans Werner Aufrecht cede il comando dopo oltre trent’anni. Al suo posto l’imprenditore austriaco ed ex ferrarista Gerhard Berger. Fuori dal consiglio di amministrazione anche Hans-Jürgen Abt e Walter Mertes.

La carriera di Hans Werner Aufrecht è legata a doppio filo con Mercedes: è stato co-fondatore di AMG (la A rappresenta il suo cognome), azienda che poi è diventata la divisione della Stella per le vetture ad alte prestazioni. Le sue iniziali appaiono anche in HWA, principale racing team della Casa di Stoccarda che per la prossima stagione avrà l’esclusiva sulle C63 DTM.

Ma Aufrecht è soprattutto il fondatore del DTM, sia nella sua iterazione originaria che in quella rinnovata del 2000. Ha mantenuto il controllo della serie, tramite l’ente organizzativo ITR e.V. (Internationalen Tourenwagen Rennen) da più di trent’anni a questa parte. È anche uno dei principali promotori della collaborazione con il Super GT giapponese, la quale ad oggi non ha avuto seguiti concreti.

Le dimissioni da parte del patron del DTM potrebbero essere arrivate già a gennaio, mese in cui sono cominciati a circolare i primi rumor. Con lui hanno lasciato il consiglio di amministrazione anche Hans-Jürgen Abt (a capo dell’omonima scuderia di Audi) e Walter Mertes. Quest’ultimo si occuperà ancora delle relazioni con gli sponsor per la popolare serie turismo, mentre continuerà a gestire il campionato europeo di Formula 3 tramite la constrollata F3 GmbH.

Le redini del DTM passano ora a Gerhard Berger, ex pilota F1 ed imprenditore austriaco. Oltre ad aver guidato per Benetton e per McLaren Honda (con Ayrton Senna come compagno di squadra), il cinquantasettenne è stato anche ingaggiato da Ferrari, prima nel triennio 1987-1989 e successivamente dal 1993 al 1995. In totale ha disputato 210 Gran Premi, visitando 10 volte il gradino più alto del podio.

Terminata la carriera di pilota, Berger è rimasto collegato alla categoria massima come direttore sportivo di BMW Williams e co-proprietario della scuderia Toro Rosso. Nel periodo 2012-2014 gli è stato affidato il comando della commissione FIA per le monoposto, tutto in contemporanea alla gestione dell’azienda di trasporti fondata dal padre.

“Ho iniziato la mia carriera nelle competizioni attraverso le gare turismo e ho sempre seguito il DTM con particolare interesse”, ha commentato l’austriaco, che solo due mesi fa si era dichiarato dubbioso sul poter accettare l’incarico. “È un campionato al top con un chiaro regolamento, forti costruttori, sponsor e partnership importanti e molti fans.”

“Questo è sicuramente un buon punto di partenza con grande poternziale per il futuro. Il mio primo compito sarà ottenere una visione più dettagliata con l’aiuto dei miei colleghi. Useremo poi queste forti basi per creare una strategia comune in futuro. Nel fare ciò, considero molto importante l’ulteriore sviluppo delle nostre relazioni internazionali – anche in prospettiva di nuovi costruttori, oltre ad un format che sappia combinare divertimento e sportività.”

Il passaggio di testimone è l’inizio di un forte cambiamento per la serie, che avverrà gradualmente a partire da quest’anno. Berger, il cui nipote Lucas Auer è da due anni in DTM con Mercedes, sarà aiutato dal vicepresidente di ITR, Florian Zitzlsperger.

“Sono felice di avere al comando una figura di esperienza come Gerhard Berger. È il successore ideale di Hans Werner Aufrecht, che ha lasciato forti basi per lo sviluppo del DTM. Senza di lui, il DTM non esisterebbe. Per la sua passione e i suoi successi merita il nostro massimo apprezzamento, il nostro rispetto e la nostra gratitudine.”

Dopo le annunciate modifiche tecniche, siamo in attesa del rivisto regolamento sportivo, in vista dell’inizio del campionato nel weekend 5-7 maggio.

Giuseppe Poliseno


Stop&Go Communcation

Grossi cambiamenti in atto: lo storico fondatore Hans Werner Aufrecht cede il comando dopo oltre trent’anni. Al suo posto l’imprenditore […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2017/03/berger-dtm-21032017.jpg Aufrecht lascia la guida del DTM, al suo posto Gerhard Berger

DTM