Sebastian Vettel: “Test inconcludenti, ma c’è tempo per le modifiche”

6 marzo 2013 - 15:50

Sebastian Vettel non è soddisfatto al termine dei test invernali. Il pilota tedesco nel precampionato non si è messo particolarmente in evidenza insieme alla Red Bull: pur non cercando quasi mai la prestazione secca, il campione del mondo in carica avrebbe voluto raccogliere qualche riscontro più convincente. La variabile più delicata, a suo parere, è la gestione dei pneumatici Pirelli.

“A mio parere i tempi non contano durante i test invernali, e questi sono stati i più inconcludenti che abbiamo mai vissuto”, ha detto Vettel, puntando l’indice sulle coperture: “Durano di più o di meno a seconda della temperatura, il loro comportamento ha limitato tutti. Era estremamente difficile leggere i cambiamenti nell’assetto e trovare una direzione per la vettura, le gomme non erano mai sufficientemente efficaci”.

La Red Bull, quindi, arriverà in Australia con qualche incognita da verificare: “Non abbiamo spuntato tutte le caselle che avremmo voluto e gli ultimi due giorni non sono andati bene come ci aspettavamo. Avrei voluto lavorare maggiormente sul set-up, ma credo di non essere l’unico. È complicato dire quale sia l’area in cui non siamo soddisfatti, perché le gomme non sono state abbastanza consistenti”.

Vettel, in ogni caso, non si scompone: “Resta ancora un po’ di tempo prima di cominciare e per apportare delle modifiche”.

Di fronte ai suoi tre titoli iridati consecutivi, è comunque quasi doveroso considerare ancora Vettel il favorito per la vittoria iridata. Il diretto interessato, tuttavia, non si è lanciato in pronostici: “Penso sia stato impossibile per chiunque capire il passo delle vetture e indicare dei favoriti. Prima, però, dobbiamo guardare a noi stessi”.


Stop&Go Communcation

Sebastian Vettel non è soddisfatto al termine dei test invernali. Il pilota tedesco nel precampionato non si è messo particolarmente […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2013/03/f1-060313-02.jpg Sebastian Vettel: “Test inconcludenti, ma c’è tempo per le modifiche”